Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


ISTITUTO SUPERIORE
della SANITA' Italiano = ISS 
Leggete QUI come gli "Enti" internazionali a "tutela della Salute" (OMS + CDC + FDA, ecc.)
sono chiaramente collusi con l'Industria Farmaceutica

La descrizione del meccanismo che nel secolo scorso permise ai grossi capitali finanziari dei Rothschild, di impadronirsi
dell’intero sistema medico americano  e non solo, attraverso il controllo dell’insegnamento universitario,
i Rockefeller (legati ai Rothschild), amavano chiamarla “filantropia efficiente”, e' qui in questa paginaben descritto.
QUESTI I VERI PADRONI del MONDO

Da settembre 2013, in tutta l’UE (Unione Europea), sul foglietto illustrativo (bugiardino) di determinati medicinali
farà la sua apparizione un triangolo capovolto.
Un contrassegno che segnala a pazienti ed operatori sanitari quei farmaci per i quali i consumatori
sono caldamente invitati a segnalare agli operatori nazionali, eventuali effetti collaterali inattesi.
In gergo tecnico, le medicine sottoposte a monitoraggio addizionale.
Si tratta di tutte le confezioni autorizzate dopo il 1° gennaio 2011 che contengono una nuova sostanza attiva; Vaccini o prodotti derivati dal plasma di origine biologica; i medicamenti per i quali sono necessarie determinate informazioni supplementari nella fase successiva alla messa in commercio, o la cui autorizzazione è subordinata al rispetto di determinate condizioni o restrizioni per un impiego sicuro ed efficace.- vedi: PDF del comunicato stampa Commissione Europea

MINISTERO della "SALUTE" italiano, avvelena i  nostri bambini con i Vaccini !
Storia dei Vaccini - 1 + Storia dei Vaccini - 2

https://koenig2099.wordpress.com/2017/12/30/dalla-seconda-guerra-mondiale-ai-giorni-nostri-come-cibo-e-medicine-sono-stati-completamente-corrotti-dai-grandi-del-governo-delle-agenzie-e-delle-case-farmaceutiche/
 "La professione medica viene comprata dall'industria farmaceutica, non solo in termini di pratica medica, ma anche in termini di insegnamento e ricerca. Le istituzioni accademiche stanno diventando gli agenti pagati dell'industria farmaceutica.
Penso che sia vergognoso
".
By Arnold Seymour Relman (1923-2014), professore di medicina a Harvard ed ex redattore capo del New England Medical Journal

ISTITUTO SUPERIORE di SANITA’  - protocollo.centrale@pec.iss.it

L'Istituto Superiore di Sanità, anche ISS, è un "ente di diritto pubblico" (sulla carta) che, in qualità di organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale italiano, svolge funzioni di ricerca, sperimentazione, controllo ed accertamenti (NdR: anche sui farmaci, vaccini, servizi sanitari), consulenza, documentazione e formazione in materia di salute pubblica. L'Istituto è posto sotto la vigilanza del Ministero della Salute.
Ecco l'accordo/ricatto fatto da Mussolini quando incontrò i Rockefeller:
La recrudescenza della malaria indusse l'Italia ad accettare nel 1922 la collaborazione l' "offerta" della Fondazione Rockefeller, che portò ben presto alla realizzazione di efficaci campagne antimalariche con il chinino fornito dalle aziende farmaceutiche di Rockefeller, e di una rete di stazioni locali, coordinate a livello centrale dalla Stazione Sperimentale per la Lotta Antimalarica.
Dopo circa un decennio venne istituito l'Istituto di Sanità pubblica, (I.S.S.), inaugurato nel 1934. Si ricostruisce questa vicenda avvalendosi anche della fitta corrispondenza del rappresentante in Italia della Fondazione.

L'inaugurazione ufficiale dell'ISS, allora denominato "Istituto di Sanità Pubblica", avvenne il 21 aprile 1934, dopo l’entrata in vigore, l'11 gennaio 1934, della legge che definiva status e funzioni del nuovo Istituto, una volta terminata l’intera costruzione. I lavori per la costruzione dell'edificio principale, su progetto dell'architetto Giuseppe Amendola, erano iniziati il 6 luglio 1931, 9 anni dopo l'accordo/ricatto fatto nel 1922,  FINANZIATRICE dei lavori di costruzione dell'Istituto è stata l'americana Rockefeller Foundation.

ISS Istituto Superiore di (Mala) Sanità & ROCKEFELLER FOUNDATION (che sono i Padroni della sanità mondiale...) ! ?
- 26/06/2012
L'Istituto Superiore di Sanità dalle origini ai giorni nostri:
"I lavori iniziarono, infatti, grazie a un precedente accordo tra il governo Mussolini e la statunitense Fondazione Rockefeller che, specializzata in programmi di lotta ai vettori della malaria, finanziò il progetto con un milione di dollari." ...
"Il primo nucleo era costituito da 40 unità di personale e quattro laboratori: quello di malarialogia (che sostituiva la Stazione sperimentale per la lotta antimalarica, nata nel 1925 e diretta da Lewis Hackett della Rockefeller Foundation e dall'italiano Alberto Missiroli), quello di batteriologia, di chimica e di fisica (prima chiamato Ufficio del Radio e situato all'interno dell'Istituto di Fisica dell'Università "La Sapienza" in via Panisperna, diretto da Orso Maria Corbino." ... 
"Altro merito di Marotta fu quello di aprire fin da subito le finestre dell'Istituto sul panorama internazionale. Ospitò, nel periodo antecedente la Seconda guerra mondiale, gli esperti del Centro Europeo della Rockefeller Foundation e instaurò, finita la guerra, programmi di collaborazione con esperti mandati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (
OMS) per corsi di formazione e per ricerche sui metodi avanzati di fermentazione finalizzati allo sviluppo e alla produzione di antibiotici. "
Fonte:
http://www.iss.it/pres/prim/cont.php?id=115&tipo=6&lang=1    (Istituto Superiore di Sanità), pagina ormai "censurata"....
PDF dell'ISS:
Storia della nascita dell'ISS

Rapporti con Rockefeller Archive Center 
"Vale certamente la pena spendere due parole circa i rapporti con Rockefeller Archive Center (RAC)..."
Fonte:
 http://www.iss.it/arst/chis/cont.php?id=4&lang=1&tipo=1

Rappresentanti della Rockefeller Foundation in visita a Sermoneta (1929)
http://www.iss.it/arst/reso_detl.php?z=4059&lang=1&tipo=1

vedere anche: https://www.google.it/search?q=rockefeller+site%3Aiss.it
By Informare per Sopravvivere

Segnalazione IMPORTANTE nel
sito dell'ISS la voce CONFLITTI di INTERESSE NON  esiste, neppure alla voce "Trasparenza", almeno per i suoi Dirigenti..., che dovrebbero per etica e correttezza, immettere nei loro personali "curricula", gli eventuali o meno Conflitti di Interesse del passato e del presente, malgrado che il Ministero stesso lo denunci..
 -
https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2018/07/vaccini-anche-listituto-superiore-di.html?m=1
COMITATO ETICO dello ISS: 
https://www.iss.it/comitato-etico

L'Istituto Superiore di Sanità (ISS) sul suo sito istituzionale, evidenzia un grafico che....inizia dal 1980 e non dal citato 1920...il solito trucco per prendere i dati che interessano....e falsificare la verità ! Come potete osservare la difterite era già in calo vertiginoso prima della introduzione del vaccino....
Ecco come si falsificano le verita' sui vaccini.....per i Conflitti di interesse (se non addirittura di Corruzione) dei dirigenti degli enti a tutela della salute...si ma di quella dei fatturati di Big Pharma.
vedi: Esposto presentato alla Procura della Repubblica nel Febb. 2015 contro i dirigenti degli "enti a tutela della salute"

Secondo lo statuto, lo "Istituto di Sanità Pubblica" con sede a Roma, opera al servizio del Ministero dell'Interno come centro di ricerca, indagini e accertamenti riguardanti i servizi per la pubblica sanità e per la specializzazione del personale del suddetto servizio nel Regno" - Tratto da: wikipedia.org

ISS, Ufficio VII - Affari Amministrativi - Viale Regina Elena 299  - 00161 - Roma (I)
Telefono: 06 4990.1 - Fax: 06 4938.7182  - e.mail: dirgensa@iss.it
Dipartimento del Farmaco: Istituto Superiore di Sanità  - Viale Regina Elena 299
00161 - Roma (I)  - Telefono: 06 49.90.60.15  - Fax: 06 4990.2012  - segreteria.dipfarmaco@iss.it - Stefano Vella

Lo ISS è stato Interpellato più volte sul questioni importanti, riguardanti i Virus (cosa sono) e sui danni dei Vaccini, NON risponde MAI !
L'Istituto Superiore di Sanità (ISS) sul suo sito istituzionale, evidenzia un grafico che....inizia dal 1980 e non dal citato 1920...il solito trucco per prendere i dati che interessano....e falsificare la verità ! Come potete osservare la difterite era già in calo vertiginoso prima della introduzione del vaccino....
Ecco come si falsificano le verità sui vaccini.....per i Conflitti di interesse (se non addirittura di Corruzione) dei dirigenti degli enti a tutela della salute...si ma di quella dei fatturati di Big Pharma.
vedi: Esposto presentato alla Procura della Repubblica nel Febb. 2015 contro i dirigenti degli "enti a tutela della salute"

DENUNCIATO in TRIBUNALE l'ISS - vedi questo link del documento di denuncia

L'Istituto Superiore di Sanità (Italiano) NON tiene NESSUNA registrazione sui casi di SIDS (Morte nella culla), vedi :
https://telegra.ph/lIstituto-Superiore-di-Sanit%C3%A0-non-raccoglie-i-dati-12-09


MANIFESTO: VERITÀ e LIBERTÀ - Veri medici in vera Sanità
I firmatari del presente manifesto sono Medici e Scienziati che, credendo nella verità scientifica e nella Medicina libera, sacrale e umile, mettono la loro Arte e la Professione al servizio della società umana e non di interessi privati o di altra natura.

Si ribadisce che la Medicina è una e una soltanto, non vi sarebbe bisogno di designare Medicine alternative, poiché è Medicina qualunque arte praticata da Medici in scienza e coscienza, nel proprio intimo convincimento, finalizzata al benessere della persona umana. Dovrebbe essere definito “alternativo” qualunque medico che, asservito a interessi privati, tradisca questi principi.

La Medicina è sacrale non soltanto poiché nella tradizione greca è di origine divina, ma soprattutto poiché sono sacri il Paziente e il suo dolore. Ogni Paziente va curato con amore, secondo i principi dell’etica universale e del rispetto per la persona umana.

La Medicina è libera, dal momento che il Medico si assume l’intera responsabilità della salute e della vita del Paziente e non può, e non deve, essere condizionato da niente e da nessuno. Il rapporto fra Medico e Paziente è interamente fondato sulla reciproca fiducia e non necessita alcun consenso scritto o altra inutile burocrazia, che deprime la dignità del Medico.

I Medici firmatari credono nel principio etico della libertà di scelta: l’essere umano è sacro e inviolabile, appartiene a se stesso, esercita l’autodeterminazione con piena libertà di scelta e di decisione per tutto quello che riguarda la sua persona.
I Medici firmatari si riconoscono in questi principi e nel Giuramento di Ippocrate, non riconoscono invece, e di conseguenza respingono, la dittatura dei protocolli e delle linee guida, troppe volte contraria ai principi della Medicina.

In questo ripristino della Medicina, i Medici tornino a chiamarsi Medici e non sanitari, i malati a essere Pazienti e non utenti, e la Medicina torni libera e non più asservita all’industria e a interessi privati.

I medici firmatari ritengono che debba essere abolita e penalmente perseguita la collusione fra multinazionali farmaceutiche e il Ministero della Sanità, l’Istituto Superiore di Sanità, l’Ordine dei Medici e qualsiasi altro organo avente a che fare con la salute umana. La Medicina non può tornare a essere tale fintanto che continua a rimanere sotto il costante ricatto economico delle multinazionali e delle lobby private associate.
Altresì la ricerca deve tornare a essere libera e devono essere perseguiti penalmente i gruppi di ricerca finanziati da privati con interessi privatistici, nonché i privati stessi, che pubblicano risultati scientificamente falsi e compiacenti l’industria. Non ci deve più essere alcuna forma di comparaggio.
Si deve costituire una Società Italiana di Medicina che vigili su qualsiasi tentativo di corruzione e di manipolazione delle verità scientifiche e della libertà medica. Deve essere perseguito chiunque adoperi la scienza per propagandare falsità per il proprio tornaconto.

I Medici firmatari promulgano tutte le evidenze scientifiche che invitano ad essere cauti nei confronti dei vaccini, anche se li ritengono opportuni in casi di comprovata necessità, ben lontana dagli obblighi massivi. Rifiutano invece qualunque legge o decreto che intenda obbligare la popolazione a innesti eterologhi che sono un misto di sostanze potenzialmente tossiche, impropriamente spacciate per vaccini.

Obbligare qualcuno a un atto medico contro la propria volontà è incostituzionale, contrario all’articolo 32 della Costituzione Italiana.
Di conseguenza, è illegittima la L.119/17 che obbliga i neonati a multiple vaccinazioni. Come anche è illegittimo perseguitare i genitori informati che si pongono domande su obblighi medici  sin troppo scontati e imposti automaticamente, anche se discutibili.

Inoltre, questa legge è molto pericolosa per la salute dei bambini. Essa, infatti, è contraria alle conoscenze della Medicina secondo le quali il rischio di gravi complicanze da vaccino, soprattutto neurologiche, è da contestualizzare con estrema precisione individuale, tenendo conto che il rischio aumenta in modo proporzionale al numero di vaccini iniettati contemporaneamente ed è inversamente proporzionale all’età del soggetto vaccinato. Quindi, somministrare dieci vaccini insieme a bambini di pochissimi mesi mette in grave pericolo la loro salute e la vita.

Di conseguenza, si propone di sottoporre tutta la filosofia vaccinale a una profonda revisione, anche alla luce delle esperienze negative della Letteratura, tenendo conto delle nuove frontiere di protezione ottenibili facendo capo a concetti e tecniche molto più avanzati. Per esempio, la vaccinazione antipolio è fra le più pericolose ed è ormai del tutto inutile, non esistendo più questa malattia in Italia da quasi mezzo secolo. La vaccinazione antiepatite può essere consigliata, ma non obbligata, comunque dopo i dodici anni di età, come era prima della L.119/17.

Si rifiuta il termine “immunità di gregge”, dal momento che la persona umana non è una pecora. Si rifiuta soprattutto il concetto di immunità di gregge, poiché è insensata e scellerata la pretesa di eliminare qualsiasi batterio o virus, dal momento che tutti noi esistiamo proprio grazie ai microrganismi. Sterilizzare il mondo è un delirio di stampo eugenetico e, per fortuna, impossibile. Sono sensate tutte le condizioni che creino un buon equilibrio fra noi e i microrganismi, anche patogeni, ma ciò è frutto di conoscenza e di prevenzione ultraprimaria.

I Medici firmatari ridimensionano le indicazioni della filosofia trapiantistica oltranzista, che viola la sacralità della vita, il mistero della speranza, la delicatezza della cura di chi versa in gravi condizioni, che ferisce il senso profondo dell’assistenza medica, circuisce di sorpresa i congiunti con fare di stile predatorio, nascondendo i limiti del senso dei trapianti e misconoscendo quel tipo di Medicina che risparmierebbe di molto il bisogno di dover ricorrere ad un trapianto.

I Medici firmatari prendono le distanze dalle decisioni dell’attuale OMS che, finanziata dall’industria farmaceutica e dalla Fondazione Bill e Melinda Gates, non si attiene più agli scopi per i quali è stata concepita, ma persegue interessi privati ai danni della popolazione mondiale, e non intendono più riconoscerla finché non tornerà in linea con i suoi principi fondanti.
I Medici firmatari ritengono che la OMS sia la prima responsabile dei danni subiti dalla popolazione mondiale nella diffusione della
malattia chiamata COVID19.

I Medici firmatari denunciano che è in atto un tentativo dichiarato di genocidio mondiale, attraverso una strategia eugenetica che mira a danneggiare fisicamente la popolazione mondiale e a ridurla di numero, come più volte annunciato da certi personaggi pubblici, che andrebbero processati per crimini contro l’umanità.

I Medici firmatari non si presteranno mai né al genocidio né a operazioni eugenetiche che, con l’intento di ridurre numericamente la popolazione mondiale, sterilizzino esseri umani contro la loro volontà, ne manipolino le facoltà psichiche con sostanze farmacologicamente attive, provochino malattie attraverso innesti eterologhi o nanotecnologie o microrganismi naturali o geneticamente manipolati, oppure causino la morte di altri esseri umani o ne decretino troppo velocemente la prognosi infausta.
La eugenetica è uno dei più gravi crimini contro l’umanità cui nessun Medico può essere obbligato a collaborare, contro i dettami profondi della sua coscienza e della tradizione della Medicina.

I Medici firmatari ritengono corresponsabili i precedenti ministri della Sanità, i membri dell’attuale Comitato tecnico scientifico del Governo italiano, l’attuale Governo italiano, l’attuale presidenza del Consiglio, l’Istituto Superiore di Sanità, l’Ordine dei Medici italiani.

I Medici firmatari lanciano l’allarme riguardante la pericolosità del cosiddetto 5G, poiché la scienza onesta conosce i gravi danni funzionali e organici che possono essere indotti da onde elettromagnetiche con frequenze di decine e centinaia di GHz. Essi chiedono pertanto che venga bloccata l’installazione degli impianti 5G in Italia e venga anche rivista la normativa riguardante la sicurezza del 4G. Le commissioni che valutano la sicurezza dovranno essere sempre controllate dalla Medicina libera che rappresenta la tutela del popolo.

I Medici firmatari chiedono che si stabiliscano parametri per valutare l’interazione fra alte frequenze elettromagnetiche (GHz) e i sistemi viventi, ai fini di stabilire i limiti che definiscano i livelli di rischio. È indispensabile imporre test per la certificazione e produrre dossier sulla sicurezza, prima di immettere sul mercato nuove tecnologie. L’industria deve farsi carico di questo, e i test devono essere controllati da comitati scientifici indipendenti, non collusi con l’industria.

I Medici firmatari auspicano che la Magistratura indaghi sull’eventuale origine artificiale del virus SARS-CoV2 e individui le dovute responsabilità, nel caso che si confermasse essere un ricombinante.

I Medici firmatari ritengono che l’Ordine dei Medici italiani, dichiarandosi espressamente organo ausiliario e sussidiario dello Stato, non sia più idoneo a tutelare la salute, i medici, i pazienti, facendo invece gli interessi di governi eterodiretti da gruppi privati transnazionali e quindi debba essere abolito, o quantomeno liberalizzato, con la possibilità per i Medici d’iscriversi a un altro Ordine che sia fedele ai valori etici della Medicina.  

I medici firmatari credono che, come nell’antichità, i medici nell’esercizio della loro professione siano inviolabili e che il luogo dove operano debba godere dell’immunità territoriale.
I Medici firmatari intimano che sia, con estrema urgenza, corretta e risolta l’abnorme deriva creata in questi mesi, che deforma l’espressione di una sana relazionalità fra tutte le cellule sociali, in primis i bambini che, più di tutti, hanno ricevuto un danno incalcolabile del discernimento, dell’espressione creativa e del comportamento tipico dei soggetti sani di mente.

Contestualmente al manifesto, i Medici firmatari pongono le basi per la costituenda Società Italiana di Medicina, che sarà fondata sui principi finora espressi, a tutela della verità scientifica e della libertà della Medicina.
A conclusione, si vogliono ricordare le parole di un grande clinico della Storia della Medicina, sir Jonathan Hutchinson, che nel 1902 scriveva: Signore, liberaci dal troppo zelo per le novità, dall’anteporre la cultura alla saggezza, la scienza all’arte, l’intelligenza al buon senso, dal curare i malati come fossero malattie, dal rendere la guarigione più penosa del persistere del morbo.

Seguono le firme, specificando nome, città, laurea, specialità ed incarichi.
Si prega di aggiungere indirizzo mail, che non comparirà sul manifesto e servirà solo a tenerci in contatto.

Dr.
Salvatore Rainò, Medico Chirurgo in Altamura, Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica, Specialista in Medicina Interna, Omeopata Unicista, Ricercatore bioenergetico, salvatoreraino.com
Dr. Massimo Citro, Medico Chirurgo in Torino, Specialista in Psicoterapia, Dottore in Lettere Classiche.
info@idras.org
Seguono le firme dei Cittadini che sostengono l’idea di una Medicina e di una Scienza libere e vere
vedi:
Veri medici in vera Sanità

COME INVENTARE le MALATTIE

 


Audizione del 24/01/2019, alla Camera del Parlamento Italiano, da parte della Commissione Vaccini, della Associazione Corvelva, che ha effettuato le analisi di laboratorio sui vaccini in Commercio, scoprendo tutte le porcherie inserite in essi....


La maggior parte delle case farmaceutiche è stata fondata a meta-fine ottocento o primi del novecento. Inizialmente le nazioni trainanti in questo settore furono Svizzera, Germania ed Italia.
Nel novecento il concetto di scoperta scientifica si è fuso con quello di bene di consumo di massa, per cui le
aziende farmaceutiche hanno imposto un nuovo modo di fare medicina pratica.

Case farmaceutiche e Corruzione: lo scandalo planetario della Glaxo Smith Kline - 26/04/2014
https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/26/case-farmaceutiche-e-corruzione-lo-scandalo-planetario-della-glaxo-smith-kline/964564/
https://koenig2099.wordpress.com/2017/12/30/dalla-seconda-guerra-mondiale-ai-giorni-nostri-come-cibo-e-medicine-sono-stati-completamente-corrotti-dai-grandi-del-governo-delle-agenzie-e-delle-case-farmaceutiche/

GLAXO: ecco i suoi Report (EFPA, certificati), sui finanziamenti fatti a medici, ordini dei medici, Istituto superiore di sanità Ass. Medici, Università, ecc. = come corrompere tutti a tutti i livelli.....
http://www.ninconanco.info/anche-listituto-superiore-di-sanita-sul-libro-paga-glaxo-smith-kline/
https://www.conoscenzealconfine.it/13-milioni-di-euro-nel-2016-da-glaxo-a-istituto-superiore-sanita-ospedali-asl-universita-medici-e-pediatri/

BIG PHARMA CORROMPE TUTTE LE ISTITUZIONI !  - Corruzione
Grecia, file Fbi su "presunta" maxi frode Novartis. Coinvolti dieci tra ex ministri ed ex premier
I documenti Usa hanno rivelato i nomi dei politici che, secondo l'accusa, avrebbero ricevuto milioni in tangenti per far ottenere alla multinazionale elvetica una posizione di forza nel mercato ellenico

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/06/grecia-file-fbi-su-presunta-maxi-frode-novartis-coinvolti-dieci-tra-ex-ministri-ed-ex-premier/4140095/#commenti-mobile
EMEA (oggi EMA) ha legami con l'Industria Farmaceutica .....per far vendere farmaci

Ecco chi finanzia la OMS, vedi elenco di coloro che la pagano per ottenere favori.....

Italia - ISS e MINISTERO della NON salute, nascondono le ricerche, che confermano danni neurologici dei Vaccini...:
su 400 bambini !

Ordine dei Biologi:
https://www.onb.it/2019/01/08/ecco-lo-studio-segreto-sui-vaccini/?fbclid=IwAR1s2mOFm6Bo1ppIcqhPUmxQxrVISHlgX9GqbC35xVLRBMcXXKWFczB79v4
vedi foto dell'
articolo pubblicato sul "il Tempo", qui nel PDF

Trasparenza dello ISS (Tratto dal loro sito, nel 2016):
L'Istituto Superiore di Sanità, in ottemperanza al D.P.R. 184/2006, ha emanato con Decreto 18 settembre 2007 il "Regolamento in materia di diritto di accesso ai documenti amministrativi dell'Istituto Superiore di Sanità"
Il regolamento disciplina le modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto stabilito nel capo V della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni.
Per "documento amministrativo" si intende ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica e di qualunque altra specie del contenuto di atti, anche interni o non relativi ad uno specifico provvedimento, detenuti dall’Istituto Superiore di Sanità e concernenti attività di pubblico interesse, indipendente dalla natura pubblicistica o privatistica della loro disciplina sostanziale.
Il diritto di accesso ai documenti amministrativi é esercitabile nei confronti dell’Istituto Superiore di Sanità, da chiunque (soggetto pubblico o privato) abbia un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente a una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale é richiesto l'accesso.
Le disposizioni sulle modalità del diritto di accesso di cui al presente regolamento si applicano anche ai soggetti portatori di interessi diffusi o collettivi. Il diritto di accesso si esercita con riferimento ai documenti amministrativi materialmente esistenti al momento della richiesta e detenuti alla stessa data dall’Istituto Superiore di Sanità.

Normativa sul diritto di accesso ai documenti amministrativi e materiali:
Modulo per richiesta di accesso
L'Istituto Superiore di Sanità, in ottemperanza al D.P.R. 184/2006, ha emanato con Decreto 18 settembre 2007 il "Regolamento in materia di diritto di accesso ai documenti amministrativi dell'Istituto Superiore di Sanità". In questa pagina trovate il Modulo per richiesta di accesso.

Ufficio Stampa:
L'Ufficio stampa in collaborazione con Dipartimenti, Centri ed i Servizi tecnico scientifici, coordina la comunicazione istituzionale in relazione alle attività dell'Istituto e gestisce i rapporti con gli organi di informazione locali e nazionali. Cura, inoltre, la rassegna quotidiana dell'Istituto divisa per le aree tematiche che riguardano le attività dell'Istituto, tratta da giornali e riviste nazionali e internazionali

Attività di controllo
Obiettivi e Attività:
La missione del Dipartimento del Farmaco, DdF, è centrata sulla valutazione di qualità, sicurezza, efficacia e appropriatezza d'uso dei medicinali e delle terapie disponibili; con il suo intervento vuole sviluppare la ricerca sui nuovi farmaci e le nuove terapie per le malattie che colpiscono l'uomo e attivare la ricerca nei settori più innovativi della farmacologia sperimentale; intende, tra i suoi obiettivi, realizzare e coordinare iniziative orientate a potenziare la ricerca farmacologica e clinica di tipo pubblico per favorire altresì l'integrazione di entrambe in rapporto al comune obiettivo di curare e prevenire le malattie. Prioritario diviene quindi lo sviluppo delle collaborazioni con i centri di ricerca nazionali ed internazionali più attivi e qualificati.

Con le attività di controllo il DdF in collaborazione con le Istituzioni Pubbliche, nazionali e internazionali sviluppa programmi atti alla valutazione delle caratteristiche chimiche e della purezza dei medicinali (incluse le specialità, i prodotti generici, i medicinali magistrali e officinali e quelli derivati dalle piante medicinali), dei prodotti di erboristeria, dei presidi medico-chirurgici e dei prodotti cosmetici; svolge il monitoraggio delle sperimentazioni cliniche sull'uomo con prodotti di nuova istituzione; è attivo nel settore della farmacovigilanza e della farmacosorveglianza sui medicinali dopo la loro immissione in commercio. Comprende gli accertamenti sperimentali per la verifica della qualità dei medicinali e quelli conseguenti a segnalazioni di difetti e di reazioni avverse e quelli ispettivi sull'osservanza delle norme di buona pratica di laboratorio (GLP) e di fabbricazione (GMP).

Attività di consulenza:
Le attività di consulenza sono di natura prettamente tecnico-scientifica e sono rivolte al Ministero della Salute, all'Agenzia del Farmaco e per l'Agenzia europea di registrazione dei farmaci (EMEA). Con i suoi esperti il Dipartimento del Farmaco esegue la valutazione dei dossier registrativi per quanto attiene qualità, sicurezza d'uso ed efficacia dei medicinali in relazione alle procedure centralizzate europee ed alle norme di mutuo riconoscimento; rilascia l'autorizzazione delle sperimentazioni cliniche sull'uomo con farmaci di nuova istituzione e terapie innovative e le autorizzazioni delle sperimentazioni animali (in deroga agli art. 8-9 del DL.vo 21 gennaio 1992, n. 116, pubblicato nella G.U. 18 febbraio 1992, n. 40, S.O.).

Attività istituzionali:
Il Dipartimento del Farmaco provvede al coordinamento del Segretariato della Farmacopea Ufficiale Italiana che, in quanto Ente deputato alla definizione degli standard di qualità dei prodotti medicinali e delle sostanze usate nella loro fabbricazione, è anche punto di riferimento nazionale per il Segretariato della Farmacopea Europea. Con l'Osservatorio su Fumo, Alcool e Droga il Dipartimento si propone l'attività di rilevazione e informazione dei cittadini sui danni relativi all'uso e all'abuso di tali sostanze e educarli sul buon uso del farmaco e delle terapie disponibili. Inoltre il DdF fornisce formazione agli operatori sanitari su farmaci e terapie e provvede alla messa a punto di linee-guida e protocolli terapeutici oltre che svolgere studi su qualità della vita e farmacoeconomia. Il DdF partecipa con l'attività dei propri esperti ai lavori di organismi nazionali ed internazionali, compresi quelli relativi ai piani di intervento e alle iniziative socio-sanitarie per facilitare l'accesso a farmaci e alle terapie nei paesi del sud del mondo.
L'azione del Dipartimento del Farmaco è finalizzata alla valutazione di qualità, sicurezza, efficacia e appropriatezza d'uso dei medicinali e delle terapie disponibili.

Oltre a svolgere attività di consulenza tecnico-scientifica per il Ministero della Salute, l'Agenzia del Farmaco e per l'EMEA, il DdF provvede alla valutazione dei dossier registrativi per quanto attiene qualità, sicurezza d'uso e efficacia dei medicinali in relazione alle procedure centralizzate europee ed alle norme di mutuo riconoscimento. Il Dipartimento del Farmaco partecipa alle procedure delle sperimentazioni cliniche sull'uomo con farmaci di nuova istituzione e con terapie innovative (DPR 754/94 - comma C).

Il Dipartimento del Farmaco partecipa alle Autorizzazioni riguardanti la sperimentazione animale (in deroga agli articoli 8-9 del DL 116 del 21.01.92), gli Accertamenti ispettivi sull'osservanza delle norme di buona pratica di laboratorio (GLP) e di fabbricazione (GMP) e partecipa attivamente ai lavori di organismi nazionali (AIFA/CTS, Commissione Tecnico-Scientifica) e internazionali (EMEA, OCSE, Consiglio d'Europa e WHO).

(
NdR: vedi: Ministero della salute e vari enti anche internazionali informati sui danni dei vaccini, fanno finta di nulla...)

Le attività di controllo includono non solo la determinazione delle caratteristiche chimiche e della purezza delle preparazioni medicinali, includendo i farmaci generici (NdR: ovviamente anche i Vaccini, che sono farmaci anch'essi), i farmaci omeopatici e quelli derivati dalle piante medicinali, ma anche il controllo dei presidi medico-chirurgici e dei prodotti cosmetici, la valutazione scientifica dei dossier registrativi dei nuovi farmaci presentati a livello nazionale ed europeo, il controllo e il monitoraggio delle sperimentazioni cliniche sull'uomo con prodotti di nuova istituzione, fino alle problematiche connesse con la tossicodipendenza e il doping.
Attraverso l'attività coordinata tra clinici, farmacologi, epidemiologi, statistici, economisti e informatici, il Dipartimento è presente nel settore della farmacovigilanza e farmacosorveglianza che si attiva dopo l'immissione in commercio e tramite accertamenti sperimentali per la verifica della qualità dei medicinali autorizzati.

Tale azione si esplica con il Programma Annuale di Controllo attuato dalla registrazione e segnalazione di difetti e corpi estranei e con il monitoraggio delle reazioni avverse.
Il Dipartimento del Farmaco è anche "terminale" di riferimento per le richieste dell'Autorità Giudiziaria degli eventuali accertamenti di legge oltre che organo competente per la Vigilanza sul Doping (legge 14.10.2000 n.376). Il Dipartimento fa parte della Rete Europea dei Laboratori Ufficiali per il Controllo delle Medicine (OMCL).

Reparti
Farmacodipendenza, tossicodipendenza e doping
Farmacogenetica, farmacoresistenza e terapie sperimentali
Farmacologia biochimica e unità di coordinamento dell'attività di consulenza tecnico-scientifica
Farmacologia dei processi degenerativi e dell'invecchiamento
Farmacologia del sistema nervoso centrale
Farmacologia e terapia delle malattie da virus
Farmacologia molecolare e cellulare
Farmacologia per la salute del bambino e della donna
Farmacologia pre-clinica
Farmacopea e qualità dei medicinali
Medicine complementari, naturali e tradizionali. Sicurezza dei prodotti cosmetici
Qualità dei farmaci di origine chimica
Ricerca clinica e farmacologia sperimentale
Tratto da: http://www.iss.it


Costituzione Italiana: Art. 28
"I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici".

Commento NdR: questo articolo come altri della Costituzione Italiana sono da sempre trasgrediti e disattesi proprio da coloro che lo rappresentano, specie nella Sanità, Finanza, tutela, commercio, agricoltura, ecc.
Per cui invitiamo i cittadini di questi stati trasgressori, compresi i loro rappresentanti e dirigenti, a DENUNCIARE all'autorità giudiziaria tutti questi farabutti che trasgrediscono la Costituzione; verrà il momento, il tempo comunque nel quale il Popolo Sovrano, si solleverà ed arresterà tutti questi "soggetti" che compiono questi misfatti, sulla pelle del Popolo reso suddito... !

Conflitti di interesse e collusioni nell'ISS e suoi collaboratori:
https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/12/01/vaccino-aids-sui-brevetti-soldi-pubblici-e-profitti-privati-lettera-a-ricciardi-presidente-iss/4012648/

http://www.vacciniinforma.it/2018/12/10/vaccini-codacons-pubblica-tutti-i-rapporti-di-conflitto-tra-riccardi-e-case-farmaceutiche/5965

ISS in mano alla Fondazione Rockefeller, vedi PDF - vedi Big Pharma e Rockefeller (banchieri e petrolieri)

La "collaborazione" di W. Ricciardi con le riviste della società di lobbying nel settore farmaceutico

....alla faccia dei Conflitti di interesse di questi personaggi collusi....con Big Pharma
https://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/m5s-ricciardi-vaccini-2801314/
https://codacons.it/vaccini-dopo-inchiesta-delle-iene-codacons-pubblica-tutti-i-rapporti-tra-ricciardi-iss-e-case-farmaceutiche/

Come Corrompere un burocrate, il sig. Ricciardi, direttore dello ISS, nello "stato mafioso"....

Vaccini: il gruppo di lavoro "Vaccino Veritas" richiede l'attivazione di una Commissione d'Inchiesta per la valutazione dei Conflitti d'Interesse a carico "dell'Ultimo Guappo" G. Walter Ricciardi - 3 dicembre 2018
I membri del gruppo di lavoro "Vaccino Veritas" hanno inviato al ministro della Salute Giulia Grillo una richiesta di attivazione di una Commissione d'Inchiesta Ministeriale per "valutazione conflitti d'Interesse e omissione di peculiari informazioni a garanzia della tutela della Salute Pubblica, nonché dell'integrità, indipendenza e trasparenza della Pubblica Amministrazione" a carico di Gualtiero (Walter) Ricciardi, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità.
Ecco di seguito il testo della richiesta.

Al MINISTRO DELLA SANITÀ

Dott.ssa Giulia GRILLO

segreteriaministro@sanita.it

seggen@postacert.sanita.it

 

per conoscenza

MINISTRO DI GIUSTIZIA

Avv. Alfonso Bonafede

ilministroascolta@giustizia.it

responsabileprevenzionecorruzione@giustiziacert.it

 

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

usg@mailbox.governo.it

presidente@pec.governo.it

 

AGENZIA ITALIANA PER IL FARMACO

presidenza@pec.aifa.gov.it

 

AUTORITA' NAZIONALE ANTICORRUZIONE

protocollo@pec.anticorruzione.it

 

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE

srm29424@pec.carabinieri.it

 

Alle testate giornalistiche:

IL FATTO QUOTIDIANO

lettere@ilfattoquotidiano.it

LA STAMPA

lettere@lastampa.it

LA VERITA'

web@laverita.info

LO SPECIALE GIORNALE

direzione@lospecialegiornale.it

 

Richiesta di attivazione Commissione d'Inchiesta Ministeriale per valutazione "Conflitti d'Interesse" e omissione di peculiari informazioni a garanzia della tutela della Salute Pubblica, nonché dell'integrità, indipendenza e trasparenza della Pubblica Amministrazione, a carico di Gualtiero (Walter) Ricciardi.

 

Egregio Ministro Giulia Grillo,

i firmatari della presenti sono membri attivi del gruppo di lavoro "Vaccino Veritas" composto da esperti del settore scientifico e giuridico, nonché da esponenti di Associazioni di tutela dei cittadini.

 

PREMESSO CHE

- In data 08 dicembre 2017, veniva pubblicato sul quotidiano nazionale Il Fatto Quotidiano un articolo (1) a firma della giornalista Giulia Innocenzi, nel quale denunciava un conflitto di interessi a carico del Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Prof. Gualtiero (Walter) Ricciardi. Denuncia maturata a seguito della presa visione di documenti ufficiali (2-3) prelevati dal sito istituzionale della Commissione Europea, dai quali sarebbero emerse diverse collaborazioni tra il Presidente dell'ISS e le Industrie del farmaco e dei vaccini.

 

- Tali collaborazioni risultano omesse nelle dichiarazioni (4) presentate dal Ricciardi al Ministero della Sanità all'atto dell'assunzione dell'incarico e sono invece emerse grazie alla ricerca effettuata dalla giornalista scientifica Amelia Beltramini (5), attraverso la consultazione del sito europeo in premessa citato, dove ci sono regole più stringenti in materia di trasparenza e contrasto alla corruzione.

 

- In particolare, secondo quanto riportato dal citato organo di stampa nazionale e rilanciato da diversi siti internet di settore, si evincerebbe che il Ricciardi:

 

1. avrebbe avuto conflitto d'interesse in quanto contemporaneamente membro dell'European Sterring Group e relatore del "Libro Bianco Europeo", iniziativa questa finanziata dalla Casa Farmaceutica AbbVie;

 

2. è stato membro del Comitato Scientifico del Centro di Ricerca sulla gestione dell'Assistenza Sanitaria e sociale dell'Università Bocconi che, nel progetto Academy of Health Care Management of Health Economics, ha intessuto collaborazioni con l'Industria Farmaceutica Novartis;

 

3. è stato altresì Responsabile Scientifico del Primo Libro Bianco sulla Health Technology Assessment in Italia e del Progetto ViHTA, iniziative finanziate dall'Industria Farmaceutica GlaxoSmithKline;

 

4. ha stilato, per conto di diverse Case Farmaceutiche, gli HTA (Health Technology Assessment, cioè la valutazione dell'impatto sulla salute di una serie di vaccini;

 

5. è stato consulente per le seguenti Industrie Farmaceutiche, nell'ambito della produzione di medicinali e vaccini:

- GlaxoSmithKline per il vaccino anti-papilloma virus HPV (2007)

- GlaxoSmithKline per il medicinale Lapatinib (2008)

- GlaxoSmithKline per il vaccino (Synflorix) (2008)

- Sanofi Pasteur per il vaccino Gardasil (2008)

- Novartis per il medicinale Lucentis (2009)

- Wyeth Lederle per il vaccino Prevnar (2009)

- Astellas Pharma per il medicinale Mycamine (2010)

- Amgen Dompè per il medicinale Prolia (2010)

- GlaxoSmithKline per il medicinale Belimumab (2011)

- Pfizer per il medicinale Enbrell (2011)

- Pfizer per il vaccino antipneumococcico PCV13 (2011)

- Menarini per il medicinale Nebivololo (2012)

- Menarini per il medicinale Remimazolam (2012)

- IBSA per il medicinale Fostimon (2012)

- Novartis per il vaccino MenB (2012)

 

6. ha assunto l'incarico di consulente della Società Altis OPS Omnia Pharma Service. A tal proposito, la Giornalista Amelia Beltramini, nel verificare la visura camerale della citata società, ha notato che tale corporation tra le proprie attività di servizio prevede quella dell'assistenza alle industrie farmaceutiche nelle fasi necessarie all'accreditamento presso tutte le Autorità Sanitarie [....] analisi di scenari e strategie di prezzo e rimborso [....] supporto e pianificazione regolatoria e logistica per il lancio dei prodotti.

 

Quindi risulta trattarsi di una società che lavora per l'intero cartello industriale farmaceutico offrendo non solo servizi, ma anche attività di lobbying verso strutture e istituzioni sanitarie pubbliche. Inoltre, detta società ha creato, per portare avanti le attività sopra descritte, due riviste: la Italian Health Policy Brief e la Public Health and Health Policy. Ebbene, nella prima rivista, Gualtiero (Walter) Ricciardi - Presidente della più importante Istituzione sanitaria dello Stato - è stato membro del Comitato degli esperti e nella seconda rivista è stato Editore Scientifico sino al secondo numero 2015, proprio mentre rivestiva l'incarico pubblico a capo dell'Istituto Superiore di Sanità. Sino alla data del 3 novembre 2018, il Ricciardi risulta tra gli esperti della rivista come indicato nella Home Page del sito della rivista Public Health and Health Policy(6,7).

 

7. Inoltre, in data 14 dicembre 2017, il quotidiano nazionale La Stampa (8) ha specificato che il Ricciardi, anche nelle dichiarazioni d'interesse presentate sia in Commissione Europea che presso l'Organizzazione Mondiale della Sanità dove era stato nominato membro dell'European Advisory Committee on Health Research dal mese di luglio 2012 al mese di luglio 2014), ha omesso di indicare la partecipazione al Comitato degli esperti della rivista Italian Health Policy Brief nonché il ruolo di Editore scientifico della rivista Public Health and Health Policy.

 

8. Tali o altri conflitti d'interesse del Ricciardi sono stati anche oggetto di una specifica diffida da parte del CODACONS e confermati nella realtà di fatto da una sentenza del Tribunale di Roma con la quale è stato pienamente assolto il Presidente del CODACONS, dall'accusa di diffamazione mossagli dal prof. Gualtiero (Walter) Ricciardi. (17)

 

In merito a quanto sopra esposto, si ribadisce che tali collaborazioni scientifiche su base remunerativa, secondo quanto pubblicato dal giornale Il Fatto Quotidiano (1), NON sono state rese pubbliche in occasione dell'assunzione dell'incarico Istituzionale; a tal proposito si ricorda e si stigmatizza che tale mandato è stato attribuito direttamente dall'ex Ministro Beatrice Lorenzin senza interpello pubblico e senza la prevista nomina di apposita Commissione di valutazione.

 

Sulla base degli accertati conflitti d'interesse sopra indicati, sorgono non poche perplessità sul ruolo da protagonista che il Prof. Gualtiero (Walter) Ricciardi, nella veste di Presidente dell'Istituto Superiore della Sanità, ha avuto nella stesura del Decreto Legge 7 giugno 2017, n.ro 73, convertito con modificazioni dalla Legge 31 luglio 2017 n.ro 119, con la quale sono state imposte ben 10 vaccinazioni obbligatorie a tutti i minori italiani di età compresa tra zero e 16 anni e a tutti i minori stranieri non accompagnati.

 

Si sottolinea che il Presidente dell'ISS ne aveva chieste ben 13 obbligatorie, compresi i vaccini antimeningococcici B e C, nonché il vaccino antipneumococcico. Vaccini che, se pur non compresi tra i 10 obbligatori, sono stati comunque inseriti tra quelli fortemente raccomandati.

 

A tal proposito, si deve ricordare che forti perplessità sulle infondate necessità sanitarie ad imporre nel Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (all'elaborazione del quale Ricciardi ha partecipato attivamente) un così eccessivo aumento del numero di vaccini rispetto ai 4 precedenti alla Legge Lorenzin, sono state espresse da molti Pediatri ed altri esperti scientifici, nonché dall'allora Direttore della Sanità del Piemonte Dott. Vittorio Demicheli, attuale consulente del Ministro della Salute Giulia Grillo.
In una durissima critica pubblicata il 27 ottobre 2015 sul principale quotidiano di economia nazionale, Il Sole 24 ORE, nell'editoriale dal titolo "Cura di trasparenza contro la teoria del complotto", De Micheli ha denunciato quanto segue: «il calendario riportato all'interno del Piano [....] è la copia fedele del 'Calendario per la Vita', sponsorizzato dalle Industrie Farmaceutiche".

 

Alla luce di queste significative e autorevoli perplessità di merito, appare ancor più stridente il fatto che, pur nel denunciato stato di conflitto d'interessi in cui si trovava il Prof. Gualtiero (Walter) Ricciardi, egli abbia assunto un ruolo da protagonista nel provvedimento approvato prima come Decreto dal Consiglio dei Ministri e poi convertito in legge dal Parlamento. Secondo quanto riferito dalla Stampa Nazionale, è stato proprio lui a rivendicare il suo ruolo preminente. Infatti, nel settembre 2017, durante un suo intervento alla festa del Partito Democratico svoltasi a Firenze, avrebbe affermato testualmente (1): «Ho fatto presente al Ministro Lorenzin la situazione preoccupante in cui ci trovavamo, lei è stata molto reattiva e insieme abbiamo fatto la nuova legge».

 

Associando ruolo pubblico e attività di consulenza per le Industrie Farmaceutiche produttrici di vaccini, appare pertanto più che fondato il commento della giornalista autrice dell'articolo citato: «Ha fatto da consulente per le Case Farmaceutiche sui loro vaccini, e poi ha detto che sono "indispensabili" per gli italiani».

 

Concludendo la disamina dei conflitti d'interesse nei quali era immerso Gualtiero (Walter) Ricciardi, mentre sollecitava il Ministro Lorenzin il Parlamento e l'intera società a legiferare e accettare l'imposizione di 13 vaccini, appare innegabile che il passaggio da una blanda obbligatorietà di soli 4 vaccini precedente alla legge Lorenzin, a 10 vaccini imposti con sanzioni più stringenti, costituisca la base per un sicuro, cospicuo e protratto nel tempo aumento di fatturato per le Industrie Farmaceutiche.

 

A tal proposito lascia stupefatti che perfino questo dato oggettivo di vantaggio economico e di profitti per le industrie farmaceutiche dei vaccini, sia contestato e misconosciuto dal Presidente dell'ISS, tanto che in un'intervista rilasciata al quotidiano online di informazione sanitaria "Quotidiano Sanità", ha dichiarato: «Questa degli interessi di Big Pharma è una cosa che non è mai esistita e continua ad essere alimentata da qualcuno che, evidentemente, ha interesse a non capire che i vaccini sono i farmaci più sicuri ed economici».

 

A smentire, però, il Prof. Ricciardi nella sua originale e poco credibile levata di scudi a difesa dell'innocenza delle Multinazionali dei vaccini, sono stati gli analisti finanziari del Sole 24 Ore che, nell'articolo pubblicato il 16 aprile 2016 (11), affermano: «la GlaxoSmithKline (GSK), la Multinazionale britannica del Pharma, raddoppia e decide di scommettere ancora un miliardo in Italia nei prossimi quattro anni. Un investimento sostanzioso e forse addirittura sottostimato rispetto ai programmi mondiali di GSK, che proprio dalle attività nel nostro Paese conta di incrementare il business del gruppo».

 

Che quello dei vaccini sia un grande e promettente "business" sembra non saperlo e non accorgersene solo il Presidente dell'ISS che pure, nel suo curriculum vitae, attesta che nel 1999-2000 è stato sviluppatore alla Bocconi del master "gestione economica e politica internazionale della cura della salute", in collaborazione con London School of Economics e la Stockholm School of Economics. (4)  Gli analisti del Sole 24 Ore hanno proseguito l'articolo scrivendo che: «Non a caso proprio ai vaccini, col business strategico anti meningite, sarà riservato il 60% degli investimenti (600 mln), contro il 40% dedicato al Pharma tradizionale».
Ancora il Sole 24 Ore a proposito del ruolo e peso che il comparto vaccini ha per la GSK ha scritto: «Leader mondiale nei vaccini con 3,7 miliardi di sterline di fatturato su 23,9 totali, è da questo settore (...) che la Multinazionale britannica si aspetta una autentica escalation nei prossimi anni. Fino ad arrivare a 6 miliardi di sterline entro il 2020. Lo spiega nella sua visita in Italia Luc Debruyne, presidente mondiale di GSK vaccini, già AD della società in Italia: «Abbiamo in portafoglio il motore dell'innovazione.
Perché i vaccini sono innovazione e insieme sono il fulcro della prevenzione. Dunque della sostenibilità non solo della nostra impresa, ma dei sistemi sanitari in tutto il mondo». «E l'Italia, ci spiega Debruyne, rappresenta una tappa non certo casuale dei programmi della società».

 

Parole e previsioni condivise in pieno, se non rafforzate, dal presidente e AD di GSK Spa Italia, Daniele Finocchiaro che, a proposito dei programmi d'investimento nel settore dei vaccini ha dichiarato: «arriveremo nel prossimo quadriennio ad investire approssimativamente un miliardo di euro nel nostro Paese».

 

«Per questo GSK crede nell'eccellenza italiana», sottolinea ancora Finocchiaro, «E in questa eccellenza continueremo a investire, chissà forse anche di più», promette Debruyne. Se l'Italia saprà essere un Paese "ospitale" per gli investitori. Le dichiarazioni degli analisti finanziari del Sole 24 Ore, circa il ruolo preminente di GSK nel segmento di mercato dei vaccini, trovano conferma nel sito stesso della GSK (https://www.gsk.it/aree-di-attivita/vaccini/).

 

Questa mastodontica e documentata realtà di "business" relativo ai vaccini, attuale e prospettico, semplicemente non esiste per il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Gualtiero (Walter) Ricciardi.

 

Anche sul delicato fronte del rapporto rischio/benefici dei vaccini e delle possibili gravi reazioni avverse correlate, che nella sua veste istituzionale a tutela della salute pubblica il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità dovrebbe approfondire e valutare con serena e responsabile obiettività, sembra invece che da parte del Prof. G. W. Ricciardi ci sia un certo grado di sottovalutazione del problema e dei dati oggettivi emersi (o che dovrebbero meglio essere fatti emergere anche dall'ISS). Infatti, in un articolo pubblicato dal quotidiano on line "l'Adige.it", invitando alla vaccinazione di massa, il Ricciardi al Festival di Trento ha dichiarato testualmente: «è molto più facile essere eletti in Parlamento che star male a causa dei vaccini, nel primo caso si parla infatti di una possibilità di 1/117.000 mentre nel secondo di 1 a 1 milione (12)».

 

La realtà è ben diversa da queste semplicistiche rassicurazioni, perché, come documentato dall'ultimo Rapporto AIFA Vaccini 2017 sulla sorveglianza post marketing, le segnalazioni di sospette reazioni avverse gravi sono state ben 1.307 su scala nazionale; valore oltretutto da considerarsi ampiamente sottostimato a causa dell'enorme divario nella raccolta delle segnalazioni avverse tra regioni virtuose Valle D'Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano, Veneto e FVG), che mediamente riportano circa 130 segnalazioni di reazioni avverse ogni 100.000 abitanti per quanto riguarda i vaccini obbligatori e regioni palesemente inefficienti sotto il profilo della farmacovigilanza postvaccinale (ad esempio Campania, Lazio, Umbria, Sardegna, Abruzzo, Calabria, Lombardia, Basilicata, ecc.), che presentano una incidenza media di 10,3/100.000 abitanti.

 

A causa della inefficiente rete di sorveglianza post vaccinale in molte regioni, la media nazionale complessiva di segnalazioni di sospette gravi razioni avverse ai vaccini obbligatori, è decisamente bassa: 34,3 ogni 100.000 abitanti, parametro che risulta inferiore di 3,8 volte rispetto alla media delle regioni virtuose.

 

Tenendo conto già solo di questo fattore di sottostima, il numero reale di sospette reazioni avverse gravi sarebbero 4.967 (1.307 x 3,8), che pertanto non si possono etichettare come eventi estremamente rari come più volte affermato da Epicentro, diretto dal Presidente Gualtiero (Walter) Ricciardi.

 

A rendere ancor più stridenti con la realtà queste infondate e superficiali rassicurazioni, bisogna aggiungere che, secondo l'analisi dei dati fatta dalla stessa AIFA, la correlabilità con i vaccini delle segnalazioni di reazioni gravi è altissima, superando in media il 70%. Purtroppo però, la portata reale del problema delle possibili reazioni avverse gravi ai vaccini è ancora più rilevante, se si considera che AIFA esprime e considera impropriamente il tasso d'incidenza delle segnalazioni di reazioni avverse gravi ai vaccini obbligatori ogni 100.000 abitanti, anziché riferirlo correttamente al numero dei vaccinati. In tal modo e con il rinforzo delle minimizzazioni dell'ISS e del suo Presidente, può risultare distorta la percezione e la consapevolezza dell'opinione pubblica e dei genitori sulla frequenza e sulla gravità delle reazioni avverse; genitori che dovrebbero esprimere un consenso libero e informato alle vaccinazioni dei propri figli (come sancito dalla Legge numero 210 del 1992 nonché dalla Legge numero 145 del 2001 di ratifica della Convenzione Internazionale di Oviedo: "Convenzione per la protezione dei diritti dell'uomo e la dignità dell'essere umano riguardo alle applicazioni della medicina e della biologia".

 

Alla luce dei dati sopra esposti, analogamente si ritiene possa essere stata condizionata la valutazione del Parlamento e del Governo, chiamati a valutare e legiferare in materia sulla base di una alterata evidenziazione del rapporto rischio/benefici per ciascun vaccino e per l'insieme dei vaccini resi obbligatori dalla legge 119/2017. Un'ulteriore conferma della imprecisione valutativa della possibile portata delle reazioni avverse gravi da vaccino, espressa dal prof. Gualtiero (Walter) Ricciardi, si desume da un recente studio epidemiologico condotto dall'Osservatorio Epidemiologico Regionale della Regione Puglia (OER)(13).

 

Dal Rapporto 2013-2017 pubblicato dal citato OER si rileva che in Puglia (ma il dato è indicativo per tutta Italia), le segnalazioni di sospette reazioni avverse, generiche e anche gravi, sono enormemente sottostimate (varie centinaia di volte), quando si attua una sorveglianza post vaccinale passiva: nella raccolta dati presentata nel rapporto della Puglia, il fattore di sottostima è di 934 volte per le segnalazioni complessive (gravi e non gravi): reporting rate = 392,34 x 1.000 dosi nella sorveglianza attiva / reporting rate = 0,42 x 1.000 dosi nella sorveglianza passiva (392,34 : 0,42 = 934). In riferimento alle sole segnalazioni di sospette reazioni avverse gravi il fattore di sottostima è comunque altissimo, di ben 339 volte: reporting rate = 40,69 x 1.000 dosi nella sorveglianza post vaccinale attiva / 0,12 x 1.000 dosi nella sorveglianza post vaccinale passiva (40,69 : 0,12 = 339).

 

Inoltre, c'è da sottolineare l'alta correlabilità con i vaccini delle sospette reazioni avverse gravi segnalate; infatti nel Rapporto OER si legge: «Nel periodo in esame, 49 su 67 (73,1%) eventi avversi gravi segnalati nell'ambito della sorveglianza attiva, sono stati classificati come correlabili a vaccino anti-MPRV (reporting rate = 29,31 x 1.000 dosi)».

 

Per una migliore percezione del pesante impatto che le vaccinazioni possono avere sulla salute e sull'integrità psicofisica dei bambini, si riporta la definizione di evento avverso grave da vaccino dato dall'OER: «Un evento avverso a vaccino o farmaco viene classificato come grave ove abbia determinato:

• decesso

• pericolo di vita

• invalidità grave o permanente

• anomalie congenite/deficit del neonato

• ospedalizzazione o prolungamento dell'ospedalizzazione

• altra condizione clinicamente rilevante.»

 

Per concludere il quadro obiettivo del rapporto rischio/beneficio del vaccino anti- MPRV, come emerso dallo studio condotto dalla Regione Puglia, ben diverso da quello che di solito espone il Prof. Gualtiero (Walter) Ricciardi, c'è d'aggiungere che ben l'82,4% dei 68 casi di bambini per i quali sono state segnalate sospette reazioni avverse gravi, hanno manifestato da 2 a 8 sintomi/segni; nel 20,7% da 5 a 8 sintomi/segni contemporaneamente.

 

Del resto, i pesanti e documentati rischi connessi alla somministrazione dei vaccini sono stati peraltro confermati dalla Relazione finale della IV Commissione Parlamentare d'inchiesta sui casi di morte e di gravi malattie che hanno colpito il personale militare italiano e dall'acquisito Studio SIGNUM, resi pubblici nel mese di febbraio di quest'anno, nonché dallo studio condotto dal Prof. Nobile condotto sugli uomini della Brigata Folgore.

 

Anche questi sono documenti pubblicati ufficialmente, ma totalmente negletti dal Presidente dell'ISS e, per quanto noto, sottaciuti in ogni tavolo scientifico istituzionale in cui è stato parte attiva.

 

Il Presidente Ricciardi non si rende forse conto della reale portata delle possibili reazioni avverse indotte dai vaccini e che i dati finora forniti da AIFA e affermati da esponenti di spicco dalla Comunità Scientifica e da egli stesso, sono ampiamente sottostimati?
In qualità di Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, non dovrebbe avvertire l'onere istituzionale di sollecitare la Comunità Scientifica a porre in essere capillari e approfonditi processi di verifica dei clamorosi e inquietanti dati epidemiologici sopra citati?

Ad aggravare le perplessità sull'operato del Ricciardi e sulle sue motivazioni nell'oggettivo status di conflitto d'interessi in cui egli agiva, si ricorda il suo censurabile plauso, nella veste di Autorità Sanitaria, all'Ordine dei Medici di Treviso per la radiazione del Dr. Roberto Gava (14), che fu il primo firmatario (di oltre 150 Medici) di una lettera inviata per l'appunto al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità in data 20 ottobre 2015, con la quale semplicemente chiedevano la disponibilità ad una collaborazione con lo stesso ISS per intraprendere uno studio adeguato di confronto tra vaccinati e non vaccinati, poiché nella loro trentennale attività clinica avevano osservato una serie di problematiche di salute riguardanti i bambini sottoposti a vaccinazione(15).

 

Alla luce di quanto sopra esposto, sulla base dell'approfondimento delle notizie di stampa citate nonché dalla disamina dei riscontri ufficiali sui siti istituzionali citati, nel caso di specie La invitiamo a valutare se non risultino gravemente violati principi di rango costituzionale e norme di legge, in particolare quelli di seguito citati:

1. Articolo 97 della Costituzione: devono essere assicurati buon andamento e imparzialità da parte della Pubblica Amministrazione.

 

2. Articolo 54 comma 2 della Costituzione: la Funzione Pubblica deve essere esercitata con disciplina e onore.

 

3. Articolo 54 comma 1 del Dlgs numero 165 del 30 marzo 2001 come sostituito dall'articolo 1, comma 44, della Legge numero 190 del 6 novembre 2012 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella Pubblica Amministrazione): deve essere garantito il rispetto dei doveri costituzionali di diligenza, lealtà, imparzialità e servizio esclusivo alla cura dell'interesse pubblico nonché evitare ogni conflitto d'interesse anche potenziale.

 

4. Decreto Legislativo numero 150 del 27 ottobre 2009, artt. 5, 6 e 15: Produttività, Efficienza e Trasparenza della Pubblica Amministrazione.

 

5. Decreto del Presidente della Repubblica numero 62 del 16 aprile 2013: Codice di comportamento dei Dipendenti Pubblici.

 

Egregio Ministro Giulia Grillo,

Qualora risultassero confermati i fatti sopra indicati, per analogia a quanto accadde nel mese di novembre del 2015 con le dimissioni dell'allora Presidente dell'AIFA dott. Sergio Pecorelli (anch'egli con un ruolo di primo piano negli eventi di politica sanitaria che fecero da apripista alla Legge 119/2017 e nella stesura del Piano Vaccinale 2017) a seguito di un'indagine interna condotta dagli Uffici Anticorruzione dell'AIFA stessa, anche in quel caso per acclarati conflitti d'interesse con le Industrie Farmaceutiche (16).

 

CHIEDIAMO

che il Ministero della Salute da Lei diretto, sotto la cui vigilanza è posto l'Istituto Superiore di Sanità, attivi analogamente una Commissione Ministeriale d'inchiesta sui conflitti d'interesse non dichiarati dal Prof. Gualtiero (Walter) Ricciardi e valuti l'opportunità di rimuoverlo ad horas dall'incarico di Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità.

 

All'uopo si allega la seguente documentazione con riportati i collegamenti ipertestuali:

1) Articolo del Quotidiano Nazionale Il Fatto Quotidiano del 7 dicembre 2018.

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/prima-lavora-con-le-aziende-poi-scrive-la-legge-sui-vaccini/

 

2) Declaration of Interests sottoscritto in data 28 maggio 2013.

https://ec.europa.eu/health/expert_panel/sites/expertpanel/files/docs/body/wg_decl_ricciardi_en.pdf

 

3) Declaration of Interests sottoscritto in data 4 luglio 2016.

https://ec.europa.eu/health/expert_panel/sites/expertpanel/files/2017_interest_ricciardi_en.pdf

 

4) Curriculum Vitae firmato in data 01 ottobre 2015 e pubblicato nel sito del Ministero della Sanità.

http://old.iss.it/binary/at02/cont/DEF_CV_Europeo_Ricciardi_ottobre_2015.pdf

 

5) Articolo della Giornalista Amelia Beltramini pubblicato dal sito internet dedicato ai fenomeni di corruzione.

https://spizzichiemozzichidisalute.wordpress.com/2017/12/16/il-giro-del-mondo-di-walter-ricciardi/

 

6) Screen shot della Home Page del sito internet della rivista Public Healt and Health Policy.

https://www.altis-ops.it/home/homepage/

Nota: la pagina non è più disponibile; vedere l'allegato

 

7) Screen shot della Home Page del sito internet della rivista Public Healt and Health Policy dove il Ricciardi risulta esperto per conto della rivista.

https://www.altis-ops.it/home/homepage/

Nota: la pagina non è più disponibile; vedere l'allegato

 

8) Articolo pubblicato dal quotidiano nazionale La Stampa in data 17 dicembre 2018 dal titolo "Walter Ricciardi: Conflitto d'interessi? Non sapevo che ci fosse una lobby dietro quelle riviste".

https://www.lastampa.it/2017/12/14/italia/walter-ricciardi-conflitto-di-interessi-non-sapevo-che-ci-fosse-una-lobby-dietro-quelle-riviste-LmoOpe8RGp6gmUym2HhKqI/pagina.html

 

9) Articolo apparso sul quotidiano nazionale Il Sole24 Ore in data 27 ottobre 2015, a firma dell'allora Direttore della Sanità Piemontese Dott. Vittorio Demicheli.

http://www.sanita24.ilsole24ore.com/art/dal-governo/2015-10-27/pianonazionale-vaccini-cura-trasparenza-contro-teoria-complotto-093236.php?uuid=ACwmW3NB&refresh_ce=1

 

10) Articolo del quotidiano on line di informazione sanitaria "Quotidiano Sanità" del 28 luglio 2018 relativo all'assenza di profitto da parte delle Case Farmaceutiche nella produzione dei vaccini.

http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=64446

 

11) Articolo del quotidiano economico nazionale Il Sole24 Ore del 13 aprile 2016 dal titolo "Vaccini e farmaci, Glaxo scommette 1 Mld sull'Italia

http://www.sanita24.ilsole24ore.com/art/imprese-e-mercato/2016-04-13/vaccini-e-farmaci-glaxo-scommette-1-mld-italia-094838.php?uuid=ACzsSh6C

 

12) Dichiarazione di Ricciardi «è molto più facile essere eletti in Parlamento che star male a causa dei vaccini, nel primo caso si parla infatti di una possibilità di 1/117.00 mentre nel secondo di 1/1 milione. Pubblicato sul quotidiano on line di informazione sanitaria Quotidiano Sanità.

http://www.ladige.it/news/business/2017/06/04/walter-ricciardi-festival-vaccinate-proteggete-bimbi

 

13) Report 2013 - 2017: Sorveglianza degli eventi avversi al vaccino in Puglia.

https://www.sanita.puglia.it/documents/20182/28436367/Report+2013-2017+%E2%809CSorveglianza+degli+eventi+avversi+a+vaccino+in+Puglia%E2%80%9D/2ef734c0-a1a8-4cf0-8e7d-6750a7aaccc3 

 

14) Articolo dell'Agenzia Nazionale ANSA dal titolo "Radiato dall'Ordine di Treviso il primo Medico antivaccini".

http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2017/04/21/-ricciardi-iss-radiato-primo-medico-anti-vaccini-_99ad62cc-f4c6-417c-b485-79fe49b46394.html

 

15) Lettera firmata da 120 Medici e trasmessa al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità in data 20 ottobre 2015.

http://www.informasalus.it/it/articoli/vaccinazioni_lettera_presidente_sanita.php

 

16) Articolo di stampa pubblicato dal quotidiano nazionale Il Corriere della Sera relativo alle dimissione del Presidente AIFA, Sergio Pecorelli, per conflitti d'interesse.

https://www.corriere.it/cronache/15_dicembre_16/conflitto-interessi-farmaci-pecorelli-lascia-l-aifa-43651672-a402-11e5-900d-2dd5b80ea9fe.shtml

 

17) Codacons: potenziale conflitto di interessi di Ricciardi

https://codacons.it/vaccini-codacons-contro-ricciardi-iss-non-puo-rilasciareinterviste-su-argomento-perche-in-conflitto-di-interessi/

https://codacons.it/vaccini-dopo-inchiesta-delle-iene-codacons-pubblica-tutti-i-rapporti-tra-ricciardi-iss-e-case-farmaceutiche/

Fiduciosi che nello spirito di trasparenza e legalità che caratterizza il Suo Ministero, Lei porrà la massima attenzione e considerazione a quanto i firmatari della presente Le hanno esposto e chiesto, porgiamo i nostri più cordiali auguri di

buon lavoro.

 

Il Gruppo di Lavoro Scientifico/Giuridico denominato "Vaccino Veritas":

Dr. Franco Trinca (Biologo - Perugia),

Dr. Fabio Franchi (Medico, Infettivologo - Trieste),

Dott. V. Alessandro Lippo (Giurista - Macerata),

Avv. Roberto Ionta (Avvocato - Napoli),

Dott. Marco Tiberti (Presidente Legale Rappresentante European Consumers - Roma),

Dr. Armando Lippolis (Medico Omeopata - Torino),

Dr. Gerardo Rossi (Medico, Ortopedico - Macerata),

Dott.ssa Bettina Stella (Farmacista -Pesaro),

Avv. Silvia Mannelli (Avvocato - Pesaro),

Dott.ssa Rosella Sbarbati (Biologa - Ancona),

Avv. Maurizio Nardozza (Avvocato - Macerata).

 

Tratto da: http://www.informasalus.it/it/articoli/ricciardi-richiesta-commissione-inchiesta.php

 

Titolo Orginale:
Chiediamo l'attivazione di una Commissione d'Inchiesta per la valutazione di conflitti di interesse a carico di Walter Ricciardi

 

Articoli Correlati:

Come fa Walter Ricciardi "L'ultimo Guappo" ad affermare: Quello per lo 'Hpv" è un vaccino che si è rivelato fra i più sicuri della storia della medicina..".... se in Giappone per etica medica, non verrà più raccomandato ?

https://informaresenzacensure.blogspot.com/2018/11/come-fa-walter-ricciardi-lultimo-guappo.html

 

VACCINI: FONDATE LE ACCUSE CODACONS CONTRO "l'ultimo Guappo" WALTER RICCIARDI (ISS)

https://informaresenzacensure.blogspot.com/2018/07/vaccini-fondate-le-accuse-codacons.html

 

VACCINI, CODACONS CONTRO RICCIARDI (ISS):
NON PUO’ RILASCIARE INTERVISTE SU ARGOMENTO PERCHE’ IN CONFLITTO DI INTERESSI

https://informaresenzacensure.blogspot.com/2018/07/vaccini-codacons-contro-ricciardi-iss.html
https://codacons.it/vaccini-dopo-inchiesta-delle-iene-codacons-pubblica-tutti-i-rapporti-tra-ricciardi-iss-e-case-farmaceutiche/

La RICHIESTA di ATTIVAZIONE di una COMMISSIONE MINISTERIALE per VALUTARE La REVOCA (DIMISSIONI) del MANDATO al PRESIDENTE dell'ISS, WALTER RICCIARDI, per CONFLITTO D'INTERESSI.
A questo nostro esposto presentato in Tribunale, aveva fatto seguito il servizio delle IENE...bene,  OGGI E' UFFICIALE... RICCIARDI si E' DIMESSO dal suo INCARICO, e lavora  all'OMS assieme a Guerra....altro bel tipo....sono stati premiati....per il buon lavoro svolto per la fondazione Rockefeller che assieme a Bill Gates controlla l'OMS !
Per noi questa suona come una conferma della nostra tesi:
NON SI PUO' OCCUPARE la PRESIDENZA della PIU' ALTA ISTITUZIONE di CONTROLLO e TUTELA della SANITA' ITALIANA... in CONDIZIONI di CONFLITTO D'INTERESSE con le MULTINAZIONALI FARMACEUTICHE !!

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

“Da ALMENO 15 ANNI GLI SCIENZIATI AMERICANI (dei CDC) sono consapevoli di una correlazione fra il mercurio dei vaccini (Timerosal) e l'Autismo. Ma invece di dare l'allarme, hanno preferito seppellire tutto“ - 23/05/2016
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3671

I ROCKEFELLER ed i loro "finanziamenti" e legami, con FDA ed alla AMA (Ass.Medica Americana)
 

vedi anche: Rockefeller e Big Pharma + Sindacato Rockefeller + Big Pharma + Padroni della sanita' del mondo intero + Illuminati +  Rapporto Flexner e Dichiarazione di Alma Ata + Dittatura sanitaria

Case farmaceutiche e Corruzione: lo scandalo planetario della Glaxo Smith Kline - 26/04/2014
https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/04/26/case-farmaceutiche-e-corruzione-lo-scandalo-planetario-della-glaxo-smith-kline/964564/

I VERI PADRONI della SANITA' nel MONDO
La descrizione del meccanismo che nel secolo scorso permise ai grossi capitali finanziari di impadronirsi dell’intero sistema medico americano  e non solo, attraverso il controllo dell’insegnamento universitario, i Rockefeller amavano chiamarla “filantropia efficiente”, e' qui ben descritto.

https://koenig2099.wordpress.com/2017/12/30/dalla-seconda-guerra-mondiale-ai-giorni-nostri-come-cibo-e-medicine-sono-stati-completamente-corrotti-dai-grandi-del-governo-delle-agenzie-e-delle-case-farmaceutiche/

HOME