Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


ECZEMA ATOPICO
(TUTTO e' INIZIATO a 3 mesi
)
 

DERMATITE da VACCINO - Fonte: forum comilva.org

Sono Lara, mamma di Letizia, 3 anni e Margherita, 19 mesi. Letizia ha la dermatite dall'età di 5 mesi, DOPO la seconda dose del primo vaccino. Tutto è partito da lì.
Mi sono fatta un"esperienza notevole, per amore e per forza, sull'alimentazione e medicine non convenzionali. Avrei da dire un sacco di cose, ma mi limito a rispondere a chi parlava di crema al cortisone: "risolve" il problema in superficie per qualche tempo, ma non è risolutivo, non fa bene ai bambini, e ti fa entrare in un circolo vizioso, lo mi sono fidata di allergologi e dermatologi, alcuni anche pediatri, ho provato di tutto, dalla dieta restrittiva a creme e robe varie ...
Letizia è ancora piena di piaghette che ogni tanto aumentano, poi regrediscono, poi tornano. L'alimentazione per noi è fondamentale, e ogni volta che torna a scuola dopo qualche giorno a casa, la dermatite aumenta regolarmente
La medicina convenzionale non può fare nulla, lo, come madre, ovviamente mi sento anche in colpa (e andrò a leggermi qualcosa della terapia verbale e della NPL, per capire meglio), ma sono straconvinta che nessuno meglio di me possa tentare di capire cosa le fa bene e cosa no.

Tutto cominciò a tre mesi...
"Ora ha più di due anni e mezzo e va meglio. Merito del mare, dello iodio e dei raggi solari ? Nel suo caso, sì.
È stato un incubo. Prima pensai fosse un'allergia al pannolino, poi alla lana, infine capii che il nemico era subdolo. Sul viso e sul corpo di mio figlio comparivano eruzioni puntiformi, poi vescicole che gli davano bruciore e prurito violento. Lui si grattava alla ricerca di sollievo, fino a sanguinare. Ho passato un anno a guardare le sue guance piene di puntini rossi sperando che sparissero.
E notti insonni perché il fastidio lo svegliava. Dalla nostra stampante uscivano risme di fogli sull'eczema atopico, così si chiama l'incubo, che mia moglie scaricava da Internet. Con tenacia abbiamo cercato informazioni e osservato l'evoluzione della malattia: ci è servito ad aiutarlo e a proteggerlo dai consigli incongrui di certi esperti. Bisogna mettersi l'elmetto ed entrare in trincea.
Una battaglia da gestire giorno per giorno con creme idratanti, cortisoniche e ora con un nuovo unguento comprato in Svizzera. L'eczema scomparirà da sé, quando vorrà. Occorre pazienza e, soprattutto, sapere che non esiste pozione magica. Le speranze vanno dosate, altrimenti diventa un calvario
».
Questa È la testimonianza di un medico di Roma, Francesco D., che si è trovato a gestire, come dice lui, una storia ingestibile: «Qualche lesione compare ancora nelle pieghe del gomito o dietro il ginocchio. Abbiamo imparato a usare il buon senso, ricetta che nessuno può dare».
L'eczema atopico, malattia che colpisce soprattutto i bambini (1 su 8), è in aumento nei paesi occidentali.
Lo hanno sottolineato gli specialisti all'ultimo congresso mondiale di dermatologia, a Parigi. 
In Italia dal 10 al 15 per cento della popolazione in età pediatrica è colpito da questa dermatite: più diffusa nei piccoli e meno tra i grandicelli, più rara fra gli adulti. 
In Finlandia e Danimarca rigorosi studi epidemiologici dicono che dal 15 al 20 per cento dei bambini soffre di ricorrenti reazioni infiammatorie cutanee.  
In Italia, «uno studio appena concluso su 1.369 bambini di nove anni dalla Associazione eczema atopico (Aiea) nelle scuole di sette città italiane ha rilevato che la percentuale è del 7 per cento e cresce man mano che l'età diminuisce: con una maggiore prevalenza al Nord che al Sud» riferisce Alberto Giannetti, direttore della Clinica dermatologica dell'università di Modena. 
Una cosa è certa: colpisce soprattutto nei paesi sviluppati dove sono sempre meno le famiglie con più fratelli e sorelle, quindi minori le esposizioni alle infezioni multiple e banali della prima infanzia che hanno un ruolo protettivo, perché rafforzano il sistema immunitario e in qualche modo allontanano il rischio di malattie allergiche.

I bambini "protetti dalle vaccinazioni" sarebbero paradossalmente più a rischio ?  
«Le strutture immunitarie meno esposte a stimoli infettivi (batterici e virali) si mettono a produrre anticorpi contro ciò che non devono. La dermatite atopica potrebbe essere la conseguenza di un disorientamento delle difese immunitarie» sostiene Carlo Gelmetti, direttore del Servizio di dermatologia pediatrica all'università di Milano. 
La teoria igienista, per spiegare l'aumento di disturbi allergici come asma e rinite, ha molti sostenitori. «I linfociti, le cellule del sistema immunitario che combattono agenti infettivi (allertati anche nelle reazioni immunoallergiche), se stimolati precocemente contro le infezioni, acquisiranno proprietà che non faranno loro sbagliare bersaglio dopo» osserva Christine Bodemer, dell'ospedale Necker, di Parigi. «A furia di sollecitare le difese nella direzione sbagliata si crea uno squilibrio tra le varie classi di linfociti, facendo aumentare quelli coinvolti nelle dermatiti, i Th2, che producono molecole, le citochine, responsabili dell'infiammazione» dice Giannetti.

Commento
NdR: Le vaccinazioni ai bambini in tenera età quando il sistema immunitario è ancora in fase di strutturazione e maturazione, producono proprio questo "depistage" al sistema immunitario stesso mandandolo in confusione; i vaccini lo alterano e quindi il vaccinato non è più sano come prima  e si può ammalare di qualsiasi tipo di malattia.
Questa è la follia dei medici vaccinatori al servizio delle case produttrici dei vaccini che vogliono mantenere ed aumentare il mercato dei malati.
Esempio: La SmithKleinBeekam (SKB produttrice del vaccino engerixB, quello dell'epatiteB ha "foraggiato" il poco onorevole De Lorenzo negli anni 90, con 600 milioni di lire (320.000 Euri), per fargli varare dal parlamento l'obbligo alla vaccinazione per l'epatiteB di tutti i piccoli nel primo anno di età e nel dodicesimo. De Lorenzo è stato condannato e rinchiuso in carcere...e successivamente scarcerato....ma la Legge iniqua, fatta varare con documentazione statistica FALSA, è rimasta in auge, a dimostrazione della "potenza" imperiale delle multinazionali dei vaccini sui governi nazionali !

vedi: Bibliografia Danni dei vaccini  +  Bibliografia danni 2  +  1.000 studi sui Danni dei Vaccini + Big Pharma

vedi: Pelle + Dermatiti e disfunzioni della pelle con i vaccini + Ritirata esavalente in 19 paesi d'Europa nel 2012, ma NON in Italia  + Corrotti e Corruttori x i vaccini ! + Fuoco di sant'Antonio + Malattie gastrointestinali con i Vaccini + Flora Batterica autoctona +
Malassorbimento + Psoriasi + Mangiare crudo = Crudismo + Umeboshi ed altri prodotti naturali