Complimenti.....Sei entrato nel piu' completo Portale sulle Medicine Alternative, Biologico  Naturali e Spirituali - la Guida alla Salute Naturale - Leggi, Studia, Pratica e starai in Perfetta  Salute, senza Farmaci ne' Vaccini


GUIDA  alla  SALUTE con la Natura

"Medicina Alternativa"   per  CORPO  e   SPIRITO
"
Alternative Medicine"
  for  BODY  and SPIRIT
 

 
 


AUTISMO da VACCINO
Relazione-Dossier del dott. M. Montinari su Autismo dai Vaccini
PROTOCOLLO DAN (dott. F. Verzella)
AUTISMO dai VACCINI - SENTENZA del TRIBUNALE
vedi qui: il PDF dello studio che indica la correlazione fra Autismo e Vaccini
INTERVISTA con il dott. William Shaw (USA)
Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF -  (dott. M. Proietti)
Sindrome della permeabilita' intestinale ed autismo
Il Thimerosal dei vaccini distrugge e/o altera la flora intestinale essendo una sostanza altamente tossica

MINERALOGRAMMA (test per conoscere il livello ed il tipo di intossicazioni da minerali e metalli tossici anche dei vaccini)
Il Thiomersal dei vaccini produce danni anche gravi
Metalli tossici
Danni al sistema enzimatico da Vaccini e metalli 
By Giusy Arcidiacono (CT) - arcidiaconogiusy@hotmail.com -
Perito Commerciale - chimico
Ecco il recente studio che ha coinvolto più di 17.000 bambini fino a 19 anni
Questo studio-indagine attualmente in corso è stato avviato dall’omeopata Andreas Bachmair.

La Verita' sullo studio del dott. Wakefield
Terapia Naturale per l'Autismo (Gaps)
AUTISMO e malattie varie dai Vaccini - Studi Pubblicati - PDF
Studio CINESE CONFERMA che i VACCINI PRODUCONO SHOCK IMMUNITARI e AUTISMO
 

VACCINI al MERCURIO ed AUTISMO:
ANCHE in ITALIA STUDIATA la CORRELAZIONE da parte del dott. M. Montinari
Intolleranze alimentari +  Metodo Montinari
vedi anche: Amish senza autismo perche' NON vaccinano + Metalli tossici dei vaccini = Autismo vedi: PDF -  dott. M. Proietti
vedi anche questa: raccolta di dati medico-scientifici sui gravi danni dei Vaccini

AUTISMO: NON e' un problema Genetico ! - le conferme da studio pubblicato:
- http://www.lescienze.it/news/2015/01/27/news/nuovo_modello_genetica_autismo-2458494/

Vaccini ed Autismo = Bibliografie che comprovano il nesso/link !
Altra Bibliografia,157 studi scientifici, che confermano il nesso Vaccini= Autismo !
https://www.scribd.com/doc/220807175/157-Research-Papers-Supporting-the-Vaccine-Autism-Link
!

USA, Giugno 2013 - AUTISMO = 1 bambino autistico su 26, non come era nel 2010, 1 su 80 ....
vedi QUI: http://autismovaccini.com/2012/05/01/statistiche-per-lautismo-a-confronto-probabile-1-ogni-29-anziche-1-ogni-88/

In CINA dopo le campagne vaccinali esplode l'Autismo ! - Maggio 2016
http://yournewswire.com/autism-rates-explode-in-asia-after-introducing-western-vaccines/
VERISSIMO, ma non solo l'autismo....ma una innumerevole sequela di altre malattie....
Autismo e non solo dai Vaccini:

I Tribunali anche USA, confermano tranquillamente che il vaccino MMR causa l'autismo. Austin (USA) - 27 Luglio 2013
Dopo decenni di appassionato dibattito, per i genitori che probabilmente hanno perso i ripetuti ricorsi richiesti dalle aziende farmaceutiche e governi, che i vaccini infatti causano l'autismo.
Per i genitori interessati alla ricerca della verità, vale la pena ricordare che le stesse persone che possiedono le aziende farmaceutiche di tutto il mondo possono anche possedere agenzie di stampa americane.
La Ricerca di informazioni prive di propaganda è stata fino ad ora molto difficile.
Ma Whiteout Press non è qui per sostenere o contrastare i vaccini. Siamo qui per portare i lettori la notizia che è il tema e’ in black-out, cover-up e censurato dalle autorita’Sanitarie e Governative.
Tratto da: http://www.whiteoutpress.com/timeless/courts-quietly-confirm-mmr-vaccine-causes-autism/

FINALMENTE.....la FDA conferma che i Vaccini possono produrre l' Autismo
http://www.getcancercure.com/fda-announce-that-dtap-vaccine-causes-autism/
 

La prova della FRODE del CDC per le cause dei Vaccini nell'Autismo - CONFESSIONE di un alto dirigente CDC, davanti al Congresso US

vedi: QUI, tutti gli studi, ricerche, interviste, citate nel documentario sull'autismo dai Vaccini Vaxxed
http://vaxxedthemovie.com/download-the-cdc-autism-mmr-files-released-by-dr-william-thompson/


Davvero inquietante !
Questo medico il Dott. Andrew Moulden è MORTO (probabilmente assassinato) in modo inspiegabile nel novembre 2013 al età di 49, subito dopo aver pubblicato Le SUE RICERCHE che DIMOSTRANO il DANNO CAUSATO dai VACCINI, RICONOSCIBILI SOLO da un SEMPLICE ESAME ESTERNO
http://vaccineimpact.com/2015/dr-andrew-moulden-learning-to-identify-vaccine-damage/ 

Sentenza 2012 - Trib. Rimini su Vaccini=Autismo + Autismo dai vaccini + Conferme autismo da vaccino

Commento NdR: sulla sentenza di Rimini: vaccini = autismo
BENE ha fatto il Giudice del Tribunale di Rimini (Italia) a sentenziare in quel modo, perche' egli non  si e' lasciato influenzare dalle FALSITA' del Ministero della "salute" (che e' stato da noi informato sui Danni dei vaccini dal 1996 e se ne sta zitto.....assieme a tutti gli altri "enti"....)  fino agli ordini dei medici......tutti al servizio di Big Pharma ! - vedi lo studio del dott.: Wakefield.htm

Ma cio' che sta emergendo e' che anche l'Epilessia che e' anche ed in particolar modo legata all'Autismo, e' stata incrementata notevolmente nei bambini con i vaccini (specie quello del Tetano) + Porfiria

Vaccinazioni per l’infanzia ed autismo: caso accertato negli Stati Uniti
Mercoledì 9 Aprile 2008 - Gli studi clinici hanno fallito nel mostrare un legame tra vaccinazione ed autismo, ma molti genitori di bambini autistici hanno nutrito dubbi su queste conclusioni.

Pero' Il Governo americano ha ora ammesso che la vaccinazione può avere arrecato danni ad una bambina di 9 anni, ed ha annunciato che si farà carico delle spese per la cura.
Nel 2000 Hannah aveva 19 mesi ed uno sviluppo normale, quando ricevette 5 iniezioni per la prevenzione di 9 malattie infettive.
Nel 2001 alla bambina è stato diagnosticato il disturbo autistico.
Per il fatto che il padre di Hannah era un neurologo al Johns Hopkins Hospital, la bambina è stata sottoposta ad una serie di esami, che hanno evidenziato un disordine a livello mitocondriale.
Due teorie sono state ipotizzate: la prima che la bambina presentava una sottostante malattia mitocondriale e che la vaccinazione ha slatentizzato, la seconda è che la vaccinazione ha causato questo disordine.
Il Governo ha optato per la prima ipotesi: la bambina aveva una sottostante malattia mitocondriale che è stata aggravata dalla vaccinazione.
Molti dei vaccini che Hannah ha ricevuto contenevano Tiomersale, un preservativo a base di Mercurio.
Negli Stati Uniti, il Tiomersale è stato rimosso dai vaccini somministrati nell’infanzia a partire dal 2001.
In Italia e' stato "tendenzialmente", non definitivamente eliminato solo dopo il 2009
Rimane aperto il dibattito sulle vaccinazioni multiple nell’infanzia. (Xagena Medicina)
Fonte: The New York Times, 2008 - Medicina-Online.net  

Aprile 2009 - Sulle pagine di Nature e degli Annals of Human Genetics sono apparsi nei giorni corsi i risultati di questi studi che hanno individuato alcune mutazioni genetiche che possono essere responsabili di forme di autismo.
Lo studio più ampio, condotto  presso l’Università della Pennsylvania su ben diecimila persone, ha visto i ricercatori impegnati ad esaminare il DNA di soggetti affetti da autismo e a compararlo con quello di soggetti sani.
....Proprio cio' che il dott. M. Montinari aveva trovato con le sue ricerche
! vedi: Mutazioni genetiche dai VACCINI

vedi: Autismo + Autismo-La prova dei Danni dei Vaccini  +  Autismo dai VACCINI 
+ Bibliografia su Autismo dai vaccini Bibliografia Danni dei vaccini  +  Bibliografia danni 2  +  1.000 studi sui Danni dei Vaccini

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il 2 aprile 2012 è stata la Giornata Mondiale dedicata all’Autismo e un video dal contenuto piuttosto forte ha fatto il giro della rete, mostrando foto da tutto il Mondo, di bambini in lacrime a causa di iniezioni.
“Dedicato a tutti i bambini che sono diventati inconsapevolmente autistici e tutti coloro che hanno riportato danni permanenti o sono deceduti a causa di scriteriate campagne vaccinali”
Fin dalle prime immagini il messaggio arriva forte e chiaro, oltre al fatto che chiaramente i bambini temono  le punture, in certi casi il timore più grande è degli adulti, un  timore legato alle sostanze iniettate nei corpicini dei loro figli.
La denuncia proviene dai genitori di quei bambini, che a seguito di tali vaccinazioni, hanno sviluppato gravi forme di autismo.
Numerosi i volontari che hanno risposto positivamente all’appello, contribuendo con foto e cartelli pro-abolizione vaccini.
Sembra che con l’aumentare delle vaccinazioni ai bambini nel mondo, oltre all’autismo (1 bambino su 88), aumentino i casi di asma (1 bambino su 8), ADHD (1 bambino su 9), difficoltà di apprendimento (1 bambino su 5), diabete (1 bambino su 430), aumento di casi allergici, disturbi celebrali e del sistema immunitario e malattie infiammatorie intestinali.   
L’International Medical Council on Vaccination, ha divulgato una lista delle sostanze presenti nei vaccini più diffusi:
- Virus e batteri che provengono dall’interno di colture animali
- Mercurio, ancora presente nei vaccini anti-influenzali multi dosi
- Alluminio
- Formaldeide
- Polisorbato 80
- Glutammato Monosodico (MSG) presente nei vaccini anti-influenzali per via inalatoria
- Cellule animali di scimmie, reni di cani, galline, mucche, insetti e anche di esseri umani (feti abortiti)
- Gelatina (da maiali e mucche) presente in grande quantità nel vaccino MPR per la varicella e l'herpes zoster
I cittadini, come sempre, desiderano essere rassicurati da chi gestisce la Sanità, desiderano poter scegliere se far vaccinare o meno i propri figli, in quanto sono genitori, prima che cittadini soggetti alle leggi.

Fonti: http://autismovaccini.com/ -
www.vaccinationcouncil.org

Gli esperti di vaccini del CDC, hanno spesso conflitti di interesse - 18/03/2010
CDC e Conflitti di interesse - 1 + CDC e Conflitti di interesse - 2 + CDC e Conflitti di interesse - 3 + Corruzione + Danni dei Vaccini + Contro Immunizzazione

CDC conflitti di interesse anche per i vaccini + anche per la FDA
http://healthimpactnews.com/2014/cdcs-purchase-of-4-billion-of-vaccines-a-conflict-of-interest-in-overseeing-vaccine-safety/

Parlamentari pagati dalle Lobbies ? - Roma Ott. 2013 
L'intervista a un assistente di un Senatore che svelerebbe i traffici illeciti tra parlamentari e Lobbies.
Video dell'intervista: 
http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/390060/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies.html

Informatore dei CDC CONFESSA la FRODE e le FALSIFICAZIONI sugli studi della correlazione VACCINO=AUTISMO

DIMOSTRAZIONE della Collusione fra Big Pharma e sanita' mondiale, per la gestione del malato e non per la gestione della malattia..- Marzo 2013
- vedi: I veri Padroni della sanita' mondiale


Vedo il moltiplicarsi soprattutto sui profili di Facebook alcune lampadine azzurre: è il bel gesto di solidarietà per la partecipazione alla manifestazione del 2 aprile, giornata mondiale dell’autismo. Però, prima di accendere lampadine, è meglio informarsi in merito al progetto che si nasconde dietro a questa iniziativa.
Infatti, l’Unione Europea sta collaborando con alcune aziende farmaceutiche e soprendentemente con l’Associazione americana Autism Speaks [proprio quella che promuove le lampadine] al solo scopo di sviluppare ulteriori farmaci destinati ai soggetti autistici (principalmente bambini).

Piuttosto che fare ricerca onesta sulle cause di questa condizione devastante, ingenti quantità di denaro pubblico (versato dai contribuenti) è stato versato per trovare nuovi modi finalizzati a sopprimere i sintomi della patologia.
Una nuova organizzazione, European Autism Interventions (Studio Multicentrico per lo Sviluppo di nuovi Farmaci - EU AIMS) è stata costituita a beneficio della linea di Big Pharma e a discapito dei  soggetti autistici.
Il piano consiste semplicemente nell’accettare che l’autismo è una realtà, a dispetto della sua esistenza o inesistenza rispetto a pochi decenni fa. Pertanto, l’organizzazione non ha alcun interesse nella prevenzione dell’autismo.

Obiettivi del progetto - EU-AIMS afferma i seguenti obiettivi:

- Sviluppare e validare “approcci di ricerca traslazionale” per la promozione di nuove terapie.  

- Fissare nuovi standard nella ricerca e nello sviluppo clinico per aiutare il processo di scoperta dei farmaci.

- Sviluppare siti in tutta Europa per studi clinici sull’autismo e creare una “piattaforma interattiva per i professionisti e i pazienti coinvolti nei Disturbi dello Spettro Autistico (DSA)“.  

1- Approcci di ricerca traslazionale 
La ricerca traslazionale è quella particolare fase della ricerca che fà da tramite tra l’attività di ricerca di base [o sperimentale] e la pratica clinica, ovvero i risultati ottenuti dalle cure “concrete” per i pazienti.
Nell’ambito oncologico (per esempio), la ricerca traslazionale si pone, tra gli altri, l’obiettivo di studiare i geni in relazione ai tumori, così da ottenere gli strumenti per effettuare test predittivi  sui pazienti e, analizzandone la risposta, indirizzare verso una terapia .
In questo modo, si aggiunge uno stadio importante al processo medico: alla diagnosi (che nel caso di alcuni tumori è particolarmente problematica) e al conseguente trattamento, si associa un passaggio intermedio che è la selezione dei pazienti (e dei farmaci a loro prescritti), in base alle loro caratteristiche genetiche. L’obiettivo principale è l’ottimizzazione della risposta dei pazienti ai farmaci chemioterapici .
La ricerca traslazionale aiuta a trasformare la fase iniziale di innovazioni in nuovi prodotti per la salute, facendo avanzare l’innovazione al punto in cui diventa particolarmente attraente per un ulteriore sviluppo da parte delle industrie mediche, farmaceutiche o delle biotecnologie.
In altre parole, l’obiettivo della ricerca traslazionale è semplicemente quello di portare più prodotti, e più rapidamente, sul mercato. 
E’ un tentativo per semplificare lo sviluppo dei farmaci e portarli il più rapidamente al processo di approvazione.
Ci si deve chiedere perché questa particolare attenzione per il trattamento dell’autismo. E perché essi presumono che porterà beneficio ai soggetti autistici ? – La realtà dimostra che i farmaci usati per il trattamento dei soggetti autistici, anche se sottoposti a un più ampio processo di approvazione, si sono dimostrati dannosi e inutili.

2 - Aiutare il processo di scoperta dei farmaci 
Questo è, ovviamente, poco più di una riaffermazione del primo obiettivo di promuovere la ricerca traslazionale. Essa, però, dichiara che la funzione principale di EU-AIMS è quello di trovare più farmaci da somministrare ai soggetti autistici per aumentare la linea di vendite di Big Pharma.

3 - Sviluppare siti e piattaforme interattive per i professionisti e i pazienti coinvolti nei Disturbi dello Spettro Autistico (DSA)
- Il fatto che lo sviluppo di studi clinici per l’autismo è combinato con l’idea di una piattaforma interattiva, per pazienti e professionisti, è piuttosto preoccupante. Suona molto simile all’obiettivo di inserire le persone con autismo e, naturalmente, i loro genitori in un percorso in cui il traguardo principale del progetto è proseguire lungo la strada per trovare più farmaci da utilizzare sui soggetti autistici.

Partecipanti
Ufficialmente ci sono tre partecipanti in EU-AIMS (Big Pharma, Università & Istituti di Ricerca, e Autism Speaks), ma la realtà nascosta è che esiste un altro partecipante: il privato cittadino contribuente europeo.

Le multinazionali farmaceutiche sono:
- Roche
- Eli Lilly
- Servier
- Janssen Pharmaceutica
- Pfizer
- Vifor Pharm

Le Università & Istituti di Ricerca sono:
- King’s College London (UK)

- Central Institute of Mental Health Mannheim (D)

- Radboud University Nijmegen Medical Centre (Olanda)

- Cambridge University (UK)

- University Medical Center Utrecht (Olanda)

- Biozentrum, University of Basel (CH)

- Institut Pasteur (F)

- Max-Planck-Gesellschaft (D)

- European Molecular Biology Laboratory (D)

- Karolinska Institutet (Sweden)

- Birkbeck, University of London (UK)

- Institute of Education (UK)

- Università “Campus Bio-Medico” (I)

- University Ulm (D)

- Commissariat à l’Energie Atomique et Aux Alternatives (F)

Le società farmaceutiche e istituti di ricerca sono i beneficiari di questo EU-AIMS, che sta iniziando con un bilancio di 29,6 milioni di €uro (US$38.7 milioni). I ricercatori stanno ricevendo una bella spinta in termini di reddito e le aziende farmaceutiche stanno prevedendo più farmaci con i loro profitti associati. Ma non sono la fonte principale di finanziamento. E neppure Autism Speaks, anche se sta garantendo 1 milione di dollari.
Il contribuente europeo è il grande filantropo attraverso l’Impresa di Iniziativa Comune di Farmaci Innovativi, che è finanziata principalmente dalla Unione Europea, con fondi aggiuntivi provenienti dalla Federazione Europea delle Industrie e delle Associazioni Farmaceutiche [EFPIA], ovvero Farmindustria che esiste allo scopo di promuovere la linea di vendite di Big Pharma.

Autism Speaks
Premesso che in un loro comunicato del febbraio 2009 si leggeva “Continueremo a sostenere ricerche autorevoli che si rivolgono alle domande senza risposta sul fatto che alcuni sottogruppi di soggetti con particolari condizioni cliniche di base o genetiche possono essere più vulnerabili agli effetti negativi dei vaccini. Mentre gli studi su larga scala non hanno dimostrato un legame tra vaccini e autismo, ci sono persistenti domande legittime riguardo alla sicurezza dei vaccini che devono essere affrontate“, perché Autism Speaks è così favorevole a un approccio farmaceutico per l’autismo?
La realtà dei fatti è che loro negano completamente qualsiasi connessione tra le vaccinazioni e l’autismo, a dispetto del fatto che nessuna ricerca decente ha mai dimostrato il contrario di quanto afferma Autism Speaks.

Tanto per citare Dan Olmsted di Age Of Autism nel suo articolo: 
L’orribile verità di Autism Speaks http://www.ageofautism.com/2011/08/the-awful-truth-about-autism-speaks.html , che descrive tale organizzazione, “Autism Speaks è l’organizzazione preferita, predicano e monopolizzano i riflettori mentre non fanno nulla tralasciando il lato epidemico. È una sanguisuga sulla comunità autismo, succhia risorse e cammina traendo energia dalle risorse di famiglie a corto di soldi, che lottano per far fronte al problema. Se c’è un valore alla sua campagna di “sensibilizzazione”, è stato raggiunto; Autism Speaks non ha alcuna ragione apparente di esistere. Essa è concentrata a ritardare il progresso, per deviare l’attenzione dalla verità. Il suo lavoro, come qualsiasi altra attività [o malignità]), è quello di espandersi. Le burocrazie non hanno un cuore o un’anima, ma hanno un istinto di sopravvivenza. E nel suo modo di sopravvivere  troverà tattiche e/o effetti speciali per colpire chiunque o qualsiasi cosa che rappresenta una minaccia”.

Il fatto è che Autism Speaks patirebbe se i vaccini fossero ammessi come causa. Finché ci sono soggetti autistici, essa può crescere ed espandersi, soprattutto se aderisce al colossale profitto di Big Pharma generato dalle vaccinazioni e dai farmaci utilizzati per trattare le condizioni invalidanti che determinano.
L’autismo è causato da qualcosa e le uniche cose che sembrano avere un senso e un nesso causale sono proprio le sconsiderate campagne delle vaccinazioni infantili.  Spendere milioni di dollari e milioni di euro per trovare vari modi per sopprimere i sintomi dell’autismo, piuttosto che curare e prevenire, è solo un progetto criminale. 
Tutti quei ricercatori che ricercano diligentemente ipotetici difetti genetici finanche nello sperma dei papà di bambini autistici, allo stato attuale delle cose, rappresentano l’evidenza scientifica di essere entrati nell’era delle “seghe mentali”.
Tratto da: autismovaccini.com

Commento NdR:

Ho  solo poche parole per esprimere il mio SDEGNO : e' uno SCHIFO; VERGOGNA !
- si conoscono benissimo le Vere cause dell'Autismo (i Vaccini + in certi rari casi le amalgami dentali e/o intossicazioni ambientali) e tutti i meccanismi (bioelettronici e biochimici) dei Danni dei Vaccini da decenni, fin dentro nella cellula (le malfunzioni indotte) e quindi quelle del tessuto alla quale appartiene, ma pur di NON divulgare queste semplici VERITA' si falsificano studi, o si comprano, si inventano studi FALSI, (da parte di Big Pharma e Filiera....CDC, FDA, OMS, EMA, AIFA, Ministero della NON salute, ...istituti foraggiati dalle case farmaceutiche, universita', ordini dei medici, medici vaccinatori....) per depistare l'attenzione sulla Verita' delle porcherie vaccinali e sui CRIMINI che la medicina ufficiale effettua con i Vaccini sui popoli della Terra, spacciandola per "prevenzione"...
vedi: Autismo + Ministero Informato sui Danni dei Vaccini fa finta di nulla + EMA ed enti collusi con Big Pharma

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La definizione AUTISMO è destinata a sparire, essendo stata creata dai neuropsichiatri in un momento in cui non si sapeva granché su questo disturbo; partiamo quindi con la giusta diagnosi: encefalopatia autoimmune post-vaccinale ed enterocolite.
E' evidente che circa l'85% dei bambini diagnosticati come autistici in effetti hanno un disordine autoimmunitario che di solito colpisce le proteine cerebrali (NdR: malfunzioni cellulari post vaccino). Inoltre hanno anche un'autoimmunità a livello del sistema gastrointestinale.
Ma ricordo che, molta importanza hanno anche i cibi assunti non adatti al gruppo sanguigno del soggetto allergico.

Credo che le più appropriate diagnosi mediche siano:
1 - encefalopatia autoimmune post-vaccinale dovuta ad un effetto combinato di mercurio (NdR: ed alluminio presenti nei vaccini), interazione morbillo/orecchioni e ad altri vaccini (NdR: e le altre sostanze vaccinali + virus vaccinali) -
vedi: Meccanismo dei Danni dei Vaccini
2 - disregolazione immunitaria probabilmente dovuta a alluminio, mercurio, morbillo e altri componenti del vaccino

3 - un nuovo ed unico disturbo autoimmune di infiammazione intestinale, presumibilmente dovuto agli stessi fattori. Tutto ciò è ora ben documentato nella letteratura medica.

Si tratta di una serie di reazioni a catena: partendo da una predisposizione genetica o ambientale o dovuta a una particolare debolezza immunologica momentanea, quando il bambino è esposto ad aggressioni come le massicce dosi di vaccini (esavalente = 6 vaccini) somministrate a soli 2-3 mesi di età e TUTTE insieme, vari componenti tossici come mercurio, alluminio, virus (NdR: cioe' proteine di lipidi virali complesse, a DNA) come quelli del vaccino per l'epatite B, scatenano lo sviluppo di una reazione allergica o autoimmunitaria, di immunosoppressione, produzione di anticorpi anti mielina (NdR: meglio definibile con mancata produzione da parte delle cellule specializzate, alla produzione della mielina)  e tutto contribuirebbe a deteriorare lo sviluppo dei bambini.
Il mercurio interferisce con il normale sviluppo della mielina. Ha anche un'attività anti MBP.
Si crea un'alterazione e distruzione delle normali barriere cerebrali, del tratto gastrointestinale e del flusso sanguigno che si traducono in disfunzioni cerebrali (NdR: nella microcircolazione) come disturbi del linguaggio e delle abilità cognitive.
Si crea un danno nell'integrità delle mucose che si traduce in sindrome gastrointestinale. Aumenta il flusso delle tossine nel sistema epatico-portale che danneggia il sistema di detossificazione.
Questo causa problemi coi composti sulfurici, è alterata la normale funzione dei neurotrasmettitori e da ciò nasce la distruzione della digestione delle proteine e dei peptidi, che permette poi esposizione antigenica, allergie alimentari e esposizione a oppioidi esogeni. Si danneggiano le funzioni della secretina. Le allergie alimentari causate dalla permeabilità intestinale portano alle infiammazioni intestinali.
Gli oppioidi generati dai peptidi non possono essere digeriti per un danno dell'enzima DPP-VI.  Gli oppioidi interferiscono con la migrazione neuronale e la funzionalità della dopamina.
Diarrea o stitichezza sono causate dall'infiammazione del tratto gastrointestinale dovuta a autoimmunità ed a ischemia.
La superproduzione di batteri anaerobici producono tossine che interferiscono con la funzione del SNC.
(NdR: insediamento della candida, per alterazione della flora autoctona)

Si include l'elenco degli esame normalmente alterati e le percentuali:
-anticorpi antimielina sono alterati nel 50-85% della popolazione autistica

-anticorpi anti-brain endothelial (vascular) 50%

-trombofilia, disordini della coagulazione70%

-diarrea o stitichezza cronica 80%

-eccesso di mercurio 50-70%

-deficienza acidi grassi omega3 99%

-deficienza di zinco 90%

-eccesso di rame 90%

-elevata serotonina60%

-disturbi autoimmuni 90%

Seguono considerazioni sui trattamenti:
- l'approccio di minimizzare gli elementi tossici e contemporaneamente provvedere i supporti nutritivi deficitari:
- si cerca di scoprire quali siano i problemi biologici del bambino e di correggerli; dove possibile, per aiutare un bambino si fa dopo aver esaminato ovviamente caso per caso)

- eliminazione di cibi che contengono glutine e caseina, cosa che dà miglioramenti notevoli circa nell' 80% dei casi
- ripristino della normale flora intestinale come lactobacilli
- acidi grassi essenziali incluso olio di fegato di merluzzo (ma che sia privo di mercurio)
- trattamento delle disbiosi
- eliminazione patogeni dal tratto gastrointestinale
- supplemento di zinco per aiutare il sistema immunitario e la mielinizzazione
- purificare e compattare le feci
- correzione di ogni deficienza nutrizionale
- immunoglobuline orali per supportare l'immunità GI
- colostrum (lactoferrina)
- secretina per per le funzioni pancreatiche e l'alcalinizzazione dell'intestino
- detossificazione dal mercurio con DMSA
- L-glutatione e altre fonti di sulfur(taurina, glucosamine sulfate,MSM)
- correzione dei disturbi del sonno (melatonina)
- molte tecniche di integrazione sensoriale
- ABA, verbal behavior e terapie comportamentali sociali
- correzione della deficienza da immunoglobuline con IVIG

- eliminazione o controllo dell'autoimmunità con steroidi, antinfiammatori e/o IVIG
- correzione delle anormalità del flusso cerebrale con aricept, nimotop o altro
- controllo di sintomi contrari molto gravi con medicine dove necessario (risperdal, prozac)
- Capire bene cosa di questo necessiti a un bambino richiede molta esperienza e molti tentativi....

Vedi a cosa serve la tecnica chiamata ABA, per l'autismo:

La parte 2:
Come accade ai nostri bambini di cadere in questo pasticcio ? (leggi AUTISMO)

Non ho una risposta completa, ma la ricerca medica ci dà qualche indizio.
Lo stato della California sta monitorando l'autismo da anni e l'incidenza è aumentata del 400% negli ultimi 12 anni.
Penso che nei prossimi anni sarà possibile documentare esattamente l'eziologia immunologica dell'autismo.
Qualche indizio:

- 1 nella schizofrenia e nell'autismo incontriamo tracce nel sangue e nelle urine di eccesso di oppioidi.
La schizofrenia è associata anche con alti livelli di IL. Io sospetto che anche nell'autismo si trovino livelli alti.
- 2 nei bambini piccoli, spesso l'autismo è curato o molto aiutato con la rimozione di glutine e caseina che hanno effetti immunologici e neurotrasmettitori.

- 3 molti bambini autistici hanno una storia di precoci e frequenti infezioni alle orecchie o di intolleranza al latte. Le infezioni frequenti possono danneggiare l'input sonoro durante una fase critica dello sviluppo cerebrale. Possono anche influenzare il sistema immunitario in modo avverso rendendo più facili eventuali reazioni ai vaccini. Infine,la debolezza del sistema immunitario può essere un segno di un immunodeficit, come con IgA deficit (visto nel 20% circa dei pazienti)
- 4 molti bambini autistici hanno iperplasia linfatica o disordini intestinali infiammatori. Sembra correlato all' MMR.
Ci sono altri problemi intestinali nell'autismo: riflusso esofageo,stitichezza o diarrea,che possono derivare da danni immunitari o problemi nella reazione neurologica. Anche la dieta contribuisce ai sintomi. Altre cause di diarrea in autismo: parassiti, batteri, lieviti. I neurormoni del GI, come la secretina, sono anche importanti per il funzionamento del cervello.

- 5 molti bambini autistici sono allergici a certi cibi, pollini o muffe. Queste reazioni allergiche distruggono il normale equilibrio immunitario e alterano i livelli di interleuchina2
- 6 L'immunizzazione con virus vivi peggiora molti nostri bambini. Questo è un tema molto dibattuto, bisogna effettuare molte ricerche sulla sicurezza dei vaccini
- 7 Specie di lieviti come candida inducono cambi immunologici, come producono neurotossine, e molti bambini autistici hanno problemi con lieviti ecc. I lieviti possono anche interferire con la produzione di serotonina, un importante neurotrasmettitore che controlla il comportamento, in parte. Il Clostridio, che ha effetti neurotossici, è presente nel 20% dei bambini autistici.
- 8 queste alterazioni immunologiche influiscono sulla chimica del cervello, specie sulla parte cerebellare e sensoriale. Molti bambini autistici hanno alterazione delle percezioni sensoriali
- 9 ricercatori hanno trovato dermorfina, un composto molto tossico, nelle urine di bambini con autismo. La dermorfina si trova in natura in un solo posto al mondo, il veleno della rana velenosa dell'Amazzonia ! E' 10 milioni di volte più potente e tossico della morfina.
- 10 bambini con autismo sono spesso deficienti di secretina nativa. Skoglosa ha trovato che l'PACAP, un peptide della famiglia secretina, è necessario per lo sviluppo dell'ippocampo. Potrebbe essere che la secretina faccia parte dello sviluppo dell'ippocampo.

Cosa causa alterazioni o offese immunitarie ?
Una debolezza genetica (4B nullalleli) e/o una predisposizione, combinate con una o più delle seguenti:

1 - assente o breve allattamento, per prevenire il pieno sviluppo del trasferimento dell'immunità
2 - precoce introduzione di glutine, prima di un anno di età. Il grano è stato manipolato geneticamente negli ultimi 100 anni per aumentarne il contenuto in glutine
3 - uso precoce di latte vaccino o caseina

4 - vaccinazioni con virus vaccinali
5 - uso di antibiotici e risultanti infezioni da lieviti e batteri patogeni
6 - cause materne:allergie, sindrome da fatica cronica o problemi di permeabilità intestinale che causano una pre sensibilizzazione già nel grembo materno
7 - intestino permeabile per una delle precedenti cause o o anche causato da parassiti o infiammazioni intestinali che permettono a glutine e caseina di passare nel flusso sanguigno
8 - difetti di detossificazione-deficit enzima PST
9 - si sviluppano anticorpi nelle proteine basiche della mielina e altre componenti cerebrali
10 - difetto dell'immunità cellulare specie nell'attività delle cellule natural killer. Possibile innalzamento interleuchina2

Cosa raccomando che sia fatto per diagnosticare esattamente quale/i di questi problemi ha il vostro bambino ?

Prima di prendere un appuntamento con un medico per il trattamento biologico dell'autismo bisognerebbe fare delle pre-valutazioni di laboratorio e degli interventi nutrizionali-dietistici.

1) nella letteratura medica disponibile ci sono almeno tre autorevoli fonti sul beneficio di rimuovere alcuni elementi( glutine e caseina) dalla dieta dei bambini con autismo. Negli studi di Cade, Reichelt e Shattock circa l'80% dei bambini con autismo sono migliorati significativamente (non sinonimo di curati) con la STRETTA rimozione di glutine e caseina.
Quindi io raccomando una dieta 100% senza glutine e caseina. Spiacente ma il 99% non va bene. Io l'ho fatto come genitore e so cosa significhi in termini di cambiamenti nel modo di vivere,...però bisogna farlo e provare perchè molti bambini sono molto assuefatti a queste sostanza ed è molto difficile...ma ci sono abbastanza dati empirici e osservazioni cliniche per giustificare un tentativo di almeno un anno.
Il dott. Shattock ha tracciato le urine dei bambini con autismo e ha trovato che ci vuole circa un anno perchè siano rimosse tutte le tracce di caseomorfina e gluteomorfina.
Comprate il libro di Lisa Lewis "Diete speciali per bambini speciali" per aiutarvi nell'inizio della dieta. Se vedete anche piccoli risultati nelle prime 12 settimane incoraggiatevi ed andate avanti. Probabilmente i bambini perderanno qualche chilo durante il cambio di dieta a riso e patate, ma di certo non moriranno di fame.
Spesso inizieranno a mangiare qualche nuovo alimento che prima non accettavano. Osservare i comportamenti in questa fase. Siate sicuri che qualche familiare o amico benintenzionato non abbiano l'idea che "soltanto un poco non gli farà male".
Questo è sbagliato e ci sono osservazioni per provarlo.
Quindi se davvero volete vedere se la dieta funziona per vostro figlio, siate intransigenti.
1 - Se volete potete fare il test sull'urina dei vostri bambini. Esso misura il livello di oppioidi nelle urine dei bambini.

2 - esame degli acidi organici
3 - analisi digestive complete delle feci e paratossicologiche per parassiti, errori digestivi e lieviti
4 - test anti MBP e anti neuroni filamenti proteine anticorpi
5 - livelli plasmatici di serotonina
6 - screening genetico: profilo plasma aminoacidi per la valutazione di errori congeniti del metabolismo; fare anche X-fragile e test sui cromosomi.
7-  é meglio purificare da lieviti, batteri e parassiti e riconfermare con test la loro eliminazione, possibilmente prima delle tua prima visita con un medico.
8 - se tuo figlio ha usato antibiotici, è meglio ripristinare la flora batterica & lactobacillus e bifobacterium
9 - fare un EEg in sonno profondo
Traduzione By fromitaly@emergenzautismo.org
Tratto da.
http://www.emergenzautismo.org/content/category/4/15/48/

Fonte: http://www.icdrc.org/index.php

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Inherited Real Risk of Brain Disorders -  24 Jul 2009
I cannot agree completely with such as statement: Maternal infection during pregnancy increases risk of severe neuropsychiatric disorders, including schizophrenia and autism, in the offspring. We must reflect on two paramount points: firstly, not all maternal infection during pregnancy brings about neuropathies, like autism; secondly, relative constitution-dependent INHERITED Real Risk of most common diseases really exist, regarding also brain disorders (1-6).
As a consequence, we must add at above referred phrase: ...in children involved by brain microcirculatory remodelling, characterized by newborn-pathological, type I , subtype a) oncological, and b) aspecific, Endoarteriolar Blocking Devices, cerebral Inherited Real Risk is based on !
1) Stagnaro Sergio. Overloking Oncological Terrain and oncological Real Risk, no paper is up-dated! 18 January 2008, Annals of Internal Medicine http://www.annals.org/cgi...
2) Stagnaro Sergio. A new way in the war against breast cancer, fortunately Breast Cancer Res 2005,. http://breast-cancer
research.com/content/7/2/R210/comments  
3) Stagnaro-Neri M., Stagnaro S. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Travel Factory, Roma, 2004. http://www.travelfactory....
4) Stagnaro S. Stagnaro Sergio. Newborn-pathological Endoarteriolar Blocking Devices in Diabetic and Dislipidaemic Constitution and Diabetes Primary Prevention. The Lancet. March 06 2007. http://www.thelancet.com/.... . And  http://www.fceonline.it/i...
5) Stagnaro S., West PJ., Hu FB., Manson JE., Willett WC. Diet and Risk of Type 2 Diabetes. N Engl J Med. 2002 Jan 24;346(4):297-298. [Medline]

6) Stagnaro Sergio. Reale Rischio Semeiotico Biofisico. I Dispositivi Endoarteriolari di Blocco neoformati, patologici, tipo I, sottotipo a) oncologico, e b) aspecifico. Ediz. Travel Factory, Roma, Luglio 2009.
No competing interests declared.
By dott. Sergio Stagnaro
Tratto da:
http://www.plosone.org/annotation/listThread.action?inReplyTo=info:doi/10.1371/annotation/b41ccbb3-7618-4f44-b4da-655a6a8f261d&root=info:doi/10.1371/annotation/b41ccbb3-7618-4f44-b4da-655a6a8f261d

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Autismo e Vaccini: c'è un legame ? SI, vedi: la Prova  +  Libro del dott. M. Montinari
Italy, Levico 20 novembre 2008) - A Levico (Tn) una famiglia lotta per aiutare il proprio figlio. Secondo i medici italiani è 'autistico'. Secondo quelli americani è solo "intossicato da un vaccino.  La madre desidera mantenere l'anonimato suo e del figlio. Tuttavia per combattere contro la disinformazione ha già messo tutto quanto online.
Basta cliccare il sito www.charles2002.com  e c'è tutta la storia di questa famiglia protagonista di una vicenda quanto mai dolorosa: il figlio nasce, sembra crescere bene e in salute ma a 3 anni non parla.

La diagnosi che viene fatta è: autismo. Diagnosi che la madre rifiuta avendo scoperto del tutto per caso che in realtà la patologia del figlio potrebbe derivare da una intossicazione di metalli contenuta nei vaccini della prima infanzia: il trivalente fra questi. Aggiungendo tassello a tassello risale al periodo della somministrazione e in effetti ricostruisce le tappe di una progressiva chiusura del proprio figlio verso l'esterno. Sul suo sito spiega in pagine e pagine di testo corredate da molte fotografie che in America da tempo è ormai consolidata l'opinione che l'autismo non sarebbe un problema neuro-psichiatrico, ma di natura biologica. Insomma la chiusura verso l'esterno dipende da agenti esterni come un'intossicazione anche da metalli.  - vedi:
Contenuto dei Vaccini

E' notorio che alcuni vaccini possono contenere tracce di alluminio (è il caso del Gardasil ad esempio) o tracce di mercurio (certificato nel trivalente). Secondo gli studi condotti da scienziati americani, quando il mercurio entra nel corpo fragile di un bambino - ancora in fase di formazione - ad essere intaccata è l'area del cervello che sovrintende al linguaggio.

A quanto afferma la mamma del bimbo il mercurio potrebbe invece essere responsabile del meccanismo di apertura della bocca o delle mani. "Quindi non resta che disintossicare l'organismo" ci ha spiegato.
Ovvero una terapia a base di sali di magnesio che viene condotta in Italia soltanto in Toscana, a Querceta, in provincia di Lucca, divenuto uno dei centri di riferimento per queste cure. In sostanza è la pelle attraverso il meccanismo di sudorazione a espellere la sostanza responsabile dell'intossicazione. I progressi e i benefici da questa terapia si stanno già avendo: il bimbo migliora.
Ora dice qualche parola. Oltre a questa terapia biomedica il bimbo sta affrontando una serie di esercizi riabilitativi delle funzioni cerebrali. Per queste cure, grazie all'intervento dell'allora assessore Iva Berasi la famiglia è riuscita ad ottenere il rimborso delle cure. Non altrettanto se dovesse sostenere le spese per una maestra di sostegno che aiuti il figlio a proseguire negli esercizi prescritti dall'equipe medica in Toscana.

La madre sostiene che quelle impiegate nei nidi non sono sufficientemente preparate per una patologia così particolare. Da qui l'idea di uno spettacolo per finanziare la spesa. Loredana Cont si è detta subito disponibile. Reciterà il 20 dicembre al palalevico con il meglio della sua produzione teatrale. "Non sapevo che in America sia ormai diffusa l'idea che l'autismo ha cause biologiche e non psichiatriche come si crede in Italia e in Europa. Perciò sono ben lieta di collaborare a questo progetto" dichiara l'attrice che cercherà di strappare al pubblico un sorriso e un offerta che aiuti la famiglia.
By Corona Perer - Tratto da: giornalesentire.it
Ci sono altri vaccini molto pericolosi: il
GARDASIL +  Guerra contro le donne + per il meccanismo dei danni dei vaccini


>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ho letto con attenzione cio' che scrive l'amico dott. F. Verzella, sono d'accordo anche sul bandire il mercurio da qualsiasi prodotto utilizzato, salvo precisare che l'autismo e sue varie varianti, non e' provocato nei bambini e giovani,
SOLO dal mercurio di vaccini e dalle amalgami dentali, bensi ANCHE dalle alterazioni delle funzioni cellulari e relative mutazioni genetiche mitocondriali indotte anche dalle sostanze vaccinali e dalle proteine complesse a DNA chiamate virus, contenuti nei vaccini !

E' il principio stesso del vaccino che DEVE essere rimesso in discussione, per le intossicazioni, infiammazioni, malfunzioni cellulari, immunodepressioni, mutazioni genetiche, DANNI che tutti i vaccini producono, chi piu' chi meno, in modo palese od occulto, in TUTTI i soggetti che si vaccinano, generando nel tempo, anche anni, gravi anomalie funzionali cellulari, tissutali organiche e sistemiche, anche trasmissibili alla prole.
dr. GPaolo Vanoli

Da: Franco Verzella [f.verzella@tiscali.it]
Inviato: domenica 28 novembre 2010 17:15
A: jeff.shuren@fda.hhs.gov
Cc: amica@infoamica.it
Oggetto: I: DENTI e AMALGAMI
Dear Doctor Shuren,
I practice in Italy in functional medicine since many years and from 2004, with particular attention to Autism and Development-Learning Disabilities, in direct collaboration with Autism Research Institute, San Diego (www.autism.com). 
US Government has issued, October 5, 2009, a national report , which includes a new incidence of Autism, with 1 case in 91 children between 3 and 17 years, and 1 in 57 males (enclosed).
 In the past years much emphasis has been attributed to timerosal containing vaccines.
 We now know that dental amalgam is  by far a much more devastating cause of poor health for the mother and the developing embryo, fetus and child, as it operates since day one of conception.
 To ban Mercury from environment and to allow Mercury inside human beings is pure schizophrenia, even before any moral consideration.
Millions of people now know that sustainable development first of all starts from the quality of their individual health, to be conquered every day as their very first right and must.
FDA ban  of Mercury from dental fillings will be received as a new chance for hope and  to effectively collaborate with international Institutions like FDA.
With my bests wishes for your successful contribution to the right for health.
Franco Verzella, MD - www.autismdaneurope.com

 You have a chance, like never before, to tell the FDA your opinion about dental amalgam. I forward you an email from Charlie Brown, Consumers for Dental Choice.
It is very important that you let your voice be heard at the FDA regarding dental mercury fillings (amalgam).
Please, testify if you or relative were poisoned by amalgam and tell them your concerns about the adverse impact of dental mercury on the environment.
Here you can read a document AMICA that recently presented to the European Commission that is considering a ban of amalgam fillings in the new EU strategy on mercury policy: http://www.infoamica.it/engart.asp?a=11&sa=0&art=407

Please, REMEMBER THAT THE FDA DECISION ON AMALGAM WILL INFLUENCE THE PUBLIC HEALTH AGENCY IN THE ALL WORLD, so your testimony is precious.
Thank you, Francesca Romana - amica@infoamica.it

FDA afferma, che  non esiste
FDA says you don’t exist;
You have until Dec. 3 to prove them wrong
Here is one of the frauds for which FDA is famous. FDA’s in-house dentist Susan Runn
er, who proudly unveiled FDA’s abysmal amalgam rule at a news conference in July 2009, said that in all of human history only 141 people have complained about amalgam. In reality, FDA has received thousands of letters and comments from people saying amalgam’s mercury has caused grievous harm to them or a member of their family. But FDA’s “scientists” (and I use that word loosely) have decided that their prime source of information is the pro-mercury American Dental Association – a trade association that endorses the products of amalgam manufacturers for cash and that owns two amalgam patents.
So Susan Runner, speaking for the Food and Drug Administration, says you do not exist – nobody is injured by amalgam.
FDA pretends mercury implanted an inch from a child’s brain does no harm, that mercury implanted in a pregnant woman does not hurt the unborn baby, that amalgam does not contribute to the total mercury bioburden in our bodies. Instead of protecting consumers, FDA gave the dental industry and the cut-rate pro-mercury dentists a green light to cover up the mercury from consumers in 2009.
Now thanks to all those who spoke out against the rule, FDA is reconsidering its position on amalgam. Here are three things you can do to make a difference:
1. Submit a Comment
FDA has asked for public comments, and we need to let them know that amalgam victims do exist. Comments must be submitted by De
cember 3. If you are tired of FDA protecting horses and dogs from mercury but claiming that dental mercury is good for the public health, we urge you to comment now by clicking here.*
Here are some suggested talking points:
Most importantly, tell FDA your story of how dental mercury affects you or your family.
For pro-mercury Susan Runner, dentists’ profits trump the health of children and unborn babies. Even after hearing FDA’s scientific panel declare amalgam unsafe for these vulnerable populations in 2006, Runner still decided that children and pregnant women should be subjected to mercury exposure.
FDA Commissioner Margaret Hamburg came to the agency straight from the boardroom of the largest amalgam seller, Henry Schein Inc.
Our 2008 lawsuit knocked Runner out of control of FDA’s amalgam policy; FDA put strong warnings on its website and promised to classify (albeit three decades late). But Runner regained control over the amalgam issue courtesy of Commissioner Hamburg. Still owning her Schein stock options, ignoring the letter I wrote her 1 June 2009, and defying the very ethics contract she had signed to get the job, Commissioner Hamburg and Runner secretly conferred 1 July 2009 about the amalgam rule. Recently, new documents discovered under the Freedom of Information Act indicate that the rule – including its information for use section that now approves amalgam for use even in children and pregnant women – was altered after Hamburg got involved. No wonder Schein’s general counsel wrote Hamburg (on her private email, of course) that the company is “indebted” to her for her work as Commissioner.
Tell FDA to junk its current policy, and for starters require disclosure of the mercury to consumers and ban its use for children and young women.
2. Write FDA Director Jeff Shuren
Separately, I urge you to send your comments to Runner’s boss, Dr. Jeff Shuren, Director, Center for Devices at
jeff.shuren@fda.hhs.gov Ask Dr. Shuren, a physician, why FDA’s sole interest is protecting the pocketbook of the pro-mercury dentists instead of protecting children from mercury exposure.
3. Come Testify in Person
We invite you to confront FDA in person at public hearings on dental amalgam to be held on December 14-15 at the Holiday Inn-Gaithersburg, Main Ballroom, 2 Montgomery Village Ave, Gaithersburg, MD 20879, right outside of Washington DC.
Consumer advocates, amalgam victims, and mercury-free dentists from across the country will be convening to testify and speak out against amalgam. If you would like to present testimony at the hearing, please contact FDA staff person Olga Claudio at olga.claudio@fda.hhs.gov to notify her of your intention to speak. For more information about how you can help at the hearing, please contact consumer advocate Freya Koss at FreKoss@aol.com for details.
By Charlie Brown - 19 November 2010 - National Counsel Consumers for Dental Choice, 316 F St. NE, Suite 210, Washington DC 20002 - 202-544-6333 (p); 202-544-6331 (f) - www.toxicteeth.org

vedi: Armamentarium -Autism - Epidemic

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

ANGELI in TRAPPOLA
Autismo: un “male” ancora non chiaro di cui sono evidenti i sintomi ma non ben definite le cause. Il termine indica una sindrome grave, che colpisce migliaia di bambini e si manifesta con esordi clamorosi in taluni casi, più spesso, invece, la sintomatologia è subdola.
 Dal punto di vista scientifico le ipotesi eziopatologiche sono molteplici e, a volte, contraddittorie. Recenti studi dimostrano che l’autismo comporta nei piccoli oltre ai disturbi comportamentali anche alterazioni biochimiche, intossicazioni virali, intossicazioni da metalli pesanti che determinano il dissesto di vari sistemi: immunitario, gastroenterico, endocrino, ormonale, neurologico ecc.. Per questo la terminologia più corretta ed esplicativa della patologia in questione può divenire: “sindrome encefalica acquisita della mielina da mercurialismo, per insulto virale tossinico, con colite e autoanticorpi” [Montinari 2002].
Approfondendo l’eziologia “tossinica” possiamo scoprire molti aspetti chiarificatori.
“Vi siete mai chiesti come fanno gli scienziati a produrre animali con malattie autoimmuni, così da sperimentare, sulla patologia indotta, l’efficacia sintomatologica dei farmaci ?
Ebbene, il modello sperimentale per le condizioni artritiche in conigli consiste nel sottoporre gli animali a vaccinazioni ripetute; lo stesso vale per una serie di sindromi autoimmuni prodotte in animali di laboratorio; esse sono affidate a un arsenale di “adiuvanti” (batteri uccisi, mercurio, alluminio), vaccini e altre sostanze da iniettare nella cavia. Volete mettere l’organismo in uno stato di iper-attivazione immunitaria ? Sottoponete l’organismo a una serie di inoculazioni di materiale antigenico.
La presenza direttamente nel sangue di tossoidi e batteri uccisi è un evento di una pericolosità che l’organismo ben conosce; infatti nelle malattie infettive (morbillo, rosolia ecc.) c’è, da parte dell’organismo, una fase di preparazione della immunità locale, poi dell’immunità dei macrofagi del sangue, poi dell’immunità cellulare e umorale che dura circa 10 giorni (incubazione), e, solo dopo queste essenziali fasi, il virus passa nel sangue.
Con la vaccinazione invece andiamo a creare proprio le condizioni che l’organismo accuratamente evita
: immettere cioè direttamente nel sangue tossoidi e materiale virale che possono attaccare direttamente cervello, intestino, tiroide, cuore e altri organi vitali”. [L. Acerra 2002]
Si spiega, così, perché Zecca e collaboratori [1998] hanno segnalato che i livelli di anticorpi di rosolia e morbillo in bambini diagnosticati autistici erano del 300% superiori a quelli normali. Questi livelli elevati di anticorpi possono essere interpretati come un’attivazione cronica del sistema immunitario contro un’ infezione subclinica. [M. Montinari 2002]
“Nelle vaccinazioni infantili riscontriamo quattro situazioni diverse che, andando a sommarsi, rappresentano un cocktail esplosivo:
1) per natura il bambino da due mesi a due anni è in uno stato di minore difesa contro eventuali attacchi virali;
2) il vaccino crea un periodo di alcuni giorni di pronunciata immunosoppressione;
3) il vaccino a virus attenuato consiste in un virus indebolito che è somministrato proprio per produrre un certo grado di sfida all’organismo medio, immunologicamente sano. A volte questi virus sono tripli, cioè più virus vengono contemporaneamente iniettati;
4) uno degli effetti della vaccinazione è di aumentare la permeabilità intestinale ed ematoencefalica, con la conseguenza di favorire il passaggio virale ai tessuti periferici. Nel primo anno di età è stato dimostrato che molti virus restano nell’organismo in modo asintomatico. Pass [1981] ha dimostrato che l’infezione da herpes virus era asintomatica in 25 su 27 bambini infetti”. [M. Montinari 2002].
Da ciò può nascere la considerazione che non viene opportunamente tutelata la salute del bambino, perché non vengono applicati i metodi preventivi cautelativi per comprendere, davvero, in quale condizione immunitaria si trovano i piccoli soggetti da vaccinare.
I metodi per una necessaria prevenzione cautelativa potrebbero essere:
a) rimandare le vaccinazioni alla scadenza del secondo anno di età;
b) eseguire l’esame “delle sottopopolazioni linfocitarie” o tipizzazione linfocitaria, previo emocromo, per stabilire, con un’accettabile precisione, eventuali deficit o scompensi immunitari del bambino;
c) eseguire l’estrazione DNA tipizzazione genomica HLA di I e II classe (A, B, C, e DR, DQ) in bassa risoluzione, che predice le eventuali patologie che l’insulto vaccinico potrebbe provocare nelle persone geneticamente predisposte e con i deficit relativi al punto b.
Quando non vengono prese le opportune misure cautelative, il momento della vaccinazione diventa per molti piccoli soggetti una lotteria, e purtroppo, per alcuni il premio finale risulta l’incontro con un improvviso “fantasma maligno” (es. autismo), per qualcuno persino il “trapasso”.
E’ risaputo che dove giunge questo “fantasma maligno” stravolge, come un uragano, la vita delle famiglie.
Famiglie che spesso restano “sole”, abbandonate anche dai parenti più stretti, famiglie che si chiedono perché hanno meritato una tale sorte; famiglie che restano nella confusione, nel rimorso o addirittura nella vergogna per anni, in quanto pensano di essere le dirette ed uniche responsabili di tale male; genitori che si dannano, perché sono stati convinti, da questo o quel luminare, che la patologia del figlio è determinata da uno squilibrio incurabile della psiche, insorto, magari, dopo un litigio “quella notte” con la/il consorte, o forse dovuto all’alterazione di un momento finita con un ceffone al piccolo durante l’ennesima nottata di veglia e disperazione.
Troppi genitori, persuasi che l’unico motivo della terribile realtà che vivono sia una di queste ragioni, si riducono ad una esistenza avvolta nel sudario del dolore, e, quel che è peggio, si chiudono nella rassegnazione, riluttanti ad ogni nuova informazione scientifica, e quindi, anche alla ricerca di altre possibilità d’intervento .
Autismo: termine costituito da “aut”, dall’inglese “out” che si traduce “fuori” e “ismo” che ne indicherebbe la patologia. Unendo le due radici otteniamo letteralmente “fuorismo”.
Gettando un’occhiata cinica e superficiale a tale termine dovremmo concludere che esso indica soggetti che sono “fuori”, soggetti che vivono “fuori” dalla nostra realtà, e troppo spesso considerati esseri che vegetano ”fuori” dal nostro “sapere”; concretizzando e raffinando il cinismo, perché non definirli addirittura “cose fuori posto” ?
E se non fosse così ?

E se la verità fosse un’altra
?
Credo sia giunto il momento di far vacillare certe “errate” certezze alzando gli occhi alla ricerca, ai dati scientifici, agli studi e alle testimonianze che si levano, grazie a Dio, da più parti nel nostro paese e in tutto il pianeta!
In un articolo apparso su Panorama del 4-12- 03 :
veniamo a sapere che una bimba di 4 anni sarebbe divenuta autistica a causa di un vaccino sperimentale!
L’ASL si difende: “non era un vaccino sperimentale!”
Personalmente sono in perfetto accordo con l’ASL; infatti non è necessario che il vaccino sia “sperimentale” affinché si possa sviluppare una sindrome autistica, basta semplicemente che sia un vaccino, somministrato alla persona sana ma in condizioni “immunitarie”e “genetiche” non adeguate per riceverlo, quindi praticato alla persona sbagliata e nel momento sbagliato!
Con esami preventivi che rilevano le condizioni immunitarie e genetiche della persona si potrebbe sfuggire al rischio di subire danni enormi e capire, in giusto anticipo, se è il caso o no di praticare il vaccino (sentenza n. 258 del 1994 della Corte Costituzionale; sentenza della Corte Costituzionale n. 307 del 22-6-90 che richiama alla responsabilità personale il medico secondo l’ art. Codice Civile 2043).
Ludovica Cantarutti nel libro Le parole del silenzio, Edizioni del Leone, racconta la storia dell’autismo post-vaccinale di sua figlia Scilla che fu colpita dalla sindrome in maniera così grave da essere definita dai luminari di turno: “una cosa”.
Scilla grazie alle amorevoli cure della madre e della sorella Ilaria, impegnate per anni nel praticarle la tecnica della comunicazione facilitata è migliorata in modo incredibile e ha scritto la seconda parte del libro .
A riprova di ciò l’estratto della conferenza del 22 aprile 1998 tenuta a Bologna dalla dott.ssa Bruna Dozzo, psicologa dell’Associazione AGOR di Verona, documenta:
“più si stimolano tutte le altre funzioni più le aree problematiche hanno la possibilità di funzionare meglio. NON perché si generino nuove cellule nervose, ma perchè le cellule presenti ma inattive si attivino e creino nuove sinapsi.
I dati emersi dall’esperienza riabilitativa su un centinaio di bambini autistici sono:
- diminuzione o scomparsa dell’iperattività;
- diminuzione o scomparsa dell’autostimolazione;
- diminuzione o scomparsa dei disturbi di percezione;
- reazioni comportamentali adeguate alle situazioni;
- miglioramento significativo della comprensione valutato attraverso l’uso della
 “comunicazione facilitata”;
- miglioramento significativo della coordinazione. “ [ Dozzo 1998]
Questi innocenti figli, specie quando superano l’adolescenza senza aver sviluppato alcuna forma minima di linguaggio, sono di frequente considerati, dalla maggior parte della società, “pesi irrecuperabili”. Li vediamo spesso vagare nei corridoi delle scuole con l’insegnante di sostegno che “arrampicandosi sugli specchi” cerca di trascorrere al meglio la giornata, sempre con il telefonino tra le mani pronta a chiamare a casa laddove un pianto o un urlo più incisivi possano creare problemi. Questi figli invece potrebbero prendere parte attiva alla vita scolastica se accanto a loro ci fosse un esperto in “comunicazione facilitata”, finirebbe il vagare per i corridoi, l’inventarsi la giornata e sboccerebbe da “quell’essere, imprigionato in un barattolo sigillato da un tappo maligno”, un’energia meravigliosa, ricca di emozioni, di informazioni, di considerazioni, finalmente incanalate nei sentieri della vita sociale.(“La comunicazione facilitata”- Biklen, 1992.)
Il dott. Delacato individua tre tipi di disturbi nella percezione sensoriale del bambino autistico: iposensibilità, ipersensibilità, rumore bianco. Inoltre ipotizza che le stereotipie del bambino autistico scaturiscono da disfunzioni percettive del “sistema sensoriale”. Egli ritiene che i comportamenti ripetitivi sono tentativi che il soggetto opera per normalizzare le vie sensoriali “alterate”. Il metodo Delacato mira a risolvere le alterazioni sensoriali attraverso una corretta e guidata esperienza sensoriale. I risultati: appena i canali sensoriali vengono rieducati e quindi normalizzati, cessa il comportamento ripetitivo e l’attenzione del bambino aumenta e si rivolge al mondo esterno.
Ancor meglio a questi “angeli” potrebbero essere applicate, soprattutto nei primi anni di vita, tecniche metodologiche precoci atte a risolvere i problemi sia comportamentali che cognitivi e in particolare a sviluppare il linguaggio.
In proposito il dott. Massimo Borghese, foniatra (autore di Autismo e linguaggio, Edizioni Culturali Internazionali, Roma, 2003) oltre ad inquadrare e valutare dal punto di vista medico il disturbo autistico, attraverso la terapia logopedica precoce avvia il bambino alle strategie comunicative preferendo e privilegiando il linguaggio. La tecnica applicata riesce a dare notevoli e stabili risultati nei soggetti trattati.
Confortante è ciò che egli stesso scrive nel suo libro in merito alle applicazioni terapeutiche per i bambini autistici: “esigenze che ritengo dover identificare nel raggiungimento della verbalità, delle autonomie fondamentali, di comportamenti sociali compatibili con una normale vita di relazione, con le possibilità di aver una carriera scolastica normale e, successivamente, un inserimento lavorativo nella società.”
Il dott. Alfred Tomatis, otorino-laringoiatra, approfondisce uno studio per i soggetti autistici che riguarda l’ambito del sonoro. Egli ritiene che “la rinascita sonora” apre la persona autistica al mondo esterno. Tale tecnica favorisce la possibilità di ascolto, potenzia le facoltà relative al linguaggio e alle relazioni, riduce i disturbi del comportamento, migliora la postura, il coordinamento, la concentrazione e il rilassamento ecc.
Il metodo ABA (Analisi Comportamentale Applicata) è applicato in Italia a molti bambini autistici in età pre-scolare. L’ABA riconsegna loro la possibilità di percepire il mondo per relazionarsi in modo appropriato.
Il metodo mira, attraverso l’insegnamento dell’imitazione, al miglioramento dei comportamenti e delle capacità intellettuali, accademiche, sociali ed emozionali del bambino autistico.
L’ABA, come altri metodi, è stato sviluppato per ampliare e superare le limitazioni degli errati e fallimentari metodi basati su ipotizzate alterazioni della psiche, e sulla così detta “madre frigorifero” ipotizzata, quale causa della sindrome autistica, da Bruno Bettelheim (ipotesi degli anni Sessanta del Novecento).

Un grande esempio dei frutti prodotti dalla perseveranza impiegata nel lavoro attivo, positivo, costante e mirato alla risoluzione dei problemi dell’autismo è la storia di Donna Williams.
Donna Williams, in Il mio e il loro autismo, [Williams 2000] racconta in modo dettagliato il proprio autismo, descrive inoltre quali passi ha compiuto per migliorare il suo stato fino a laurearsi in medicina (individuazione di: dieta, intossicazioni da metalli, agenti patogeni intestinali, alterazioni biochimiche, esercizi cognitivi ecc.);
A svelare, invece, cause e concause relative all’insorgenza di insulti tossinici, virali, immunitari ecc, che riguardano varie patologie e tra queste anche l’albeggiare dell’ autismo, concorre un ampio ventaglio di articoli e testi quali:
-
Vaccinazioni: il grande attacco al cervello e alla psiche di Harris L. Coulter, Edizioni NOI-Verlag, Klangenfurt, 1996. Il titolo è già l’epilogo del discorso. L’introduzione al libro contiene illuminanti citazioni: “Ogni epoca viene dominata da una moda e la maggior parte degli uomini non riesce neppure a vedere i tiranni da cui viene dominata.” (Albert Einstein). E ancora:
“Non esiste delitto, inganno, trucco, imbroglio e vizio che non vivano della loro segretezza. Bisogna portare alla luce del giorno questi segreti, descriverli, renderli ridicoli agli occhi di tutti e prima o poi la pubblica opinione li getterà via. La sola divulgazione di per sé non è forse sufficiente, ma è l’unico mezzo senza il quale falliscono tutti gli altri.” (Joseph Pulitzer).
-
Maggiorenni e vaccinati o diritto alla vita ?, di Giorgio Tremante, Macro Edizioni, Cesena, 2000. E’ la drammatica storia di Giorgio Tremante e della sua famiglia distrutta dai vaccini.
-
Autismo, di Massimo Montinari, Macro Edizioni, Cesena, 2002, che descrive centinaia di casi di bimbi divenuti autistici con associato malassorbimento in seguito alle vaccinazioni e dimostra la diagnosi di “Autismo post vaccinale”. Alcuni dei casi presentati hanno avuto il riconoscimento da parte del ministero della Sanità.
-
La Prova evidente del Danno, David Kirby, 2006, Macro Edizioni
Dettaglia scientificamente come i vaccini scatenano l’autismo in soggetti geneticamente predisposti.
-
Vaccinazioni istruzioni per l’uso, di L. Acerra, Demetra, 2002, conferma i rischi a cui Massimo Montinari fa riferimento.
-
Vaccinazioni. Perché?, di Valerio Pignatta, Macro Edizioni, Cesena 2001, descrive l’iniziale capitale genetico dell’umanità ormai a rischio perché minato pesantemente dai vaccini e il consequenziale indebolimento della salute dell’uomo d’oggi.
-
Asma e Vaccinazioni, di valerio Pignatta, Macro Edizioni, Cesena, 2000.
Questo saggio riunisce le ricerche più aggiornate e studi clinici che stabiliscono l’interrelazione, talvolta drammatica, tra le vaccinazioni e le malattie dell’apparato respiratorio di tipo allergico come l’asma.
-
Decisiva ricerca sulla inutilità e sui pericoli della vaccinazione obbligatoria antiepatite B, di R. Barisani, Macro Edizioni Cesena 1998.
E ancora:
-
Decisiva ricerca sulla inutilità delle vaccinazioni obbligatorie antipolio e antidifterica, di R. Barisani, Macro Edizioni, Cesen 2001, il lavoro contiene anche un’appendice su tetano e antitetanica a cura di V. Pignatta.
-
Denti tossici di L. Acerra, Macro Edizioni, Cesena 1999, oltre a descrivere la pericolosità del mercurio contenuto nell’amalgama dentale per tutte le persone, sottolinea anche la grande tossicità che rappresenta per il feto in madri con amalgama.
- Inoltre è da sottolineare che centinaia di famiglie di bambini con sindrome autistica si recano ogni anno in America in centri medici specializzati come il Pfeiffer Institute di Chicago, (ritenuto tra i migliori del pianeta per lo studio e la cura della sindrome autistica) per sottoporre i loro figli a consulto specialistico che precede esami su sangue, feci, urine e capelli. Ciò al fine di ottenere uno screening molto specifico che rivela le condizioni generali del soggetto e in particolare il danno alla mucosa intestinale, il malassorbimento, gli agenti patogeni intestinali presenti, i problemi connessi ai metalli pesanti rilevati, il deficit enzimatico, le carenze vitaminiche ecc. Una volta delineato il quadro diagnostico e dettagliate con test le intolleranze alimentari, per sopperire ai danni e ai deficit evidenziati, ai piccoli viene indicata una dieta naturale (senza glutine, caseina, conservanti chimici, glutammato, ecc.), e prescritti integratori, enzimi, probiotici, antimicotici ecc.
Il protocollo che si applica al Pfeiffer Istitute di Chicago è chiamato Dan! Protocoll (Defeat Autism Naw! Slogan che mira a incentivare l’impegno di risolvere l’autismo ora!)
Documenti, testimonianze, studi internazionali che ci provengono da ogni parte del mondo (Chicago Pfeiffer Inst; Birmingham, dott. Waring; Oslo, dott. Reichelt; Bari, dott. M. Montinari; Napoli, dott. M. Borghese; Bologna, Dott. F. Verzella; Verona, Dott. Dozzo; ecc.) gremiscono gli spazi virtuali di Internet a conferma di quanto i vaccini, le attivazioni virali, le intossicazioni da metalli [ Daunderer 2003], la dieta non adeguata, la permeabilità intestinale, il malassorbimento, lo scompenso enzimatico ecc., giochino un ruolo primario e determinante nell’autismo: altro che concentrare il discorso sul litigio di una notte o lo schiaffo sfuggito per disperazione!
Se qualcuno ancora pensa che alcune migliaia di vittime da vaccini sono necessarie per il benessere della moltitudine, non ha compreso il nocciolo del problema che risiede nell’immunosoppressione post-vaccinale: “Un vaccino diminuisce l’immunità mediata da linfociti del 50%, due vaccini insieme riducono tale immunità del 70%. Oramai è una norma iniettare tre vaccini (e più esavalente) nella stessa iniezione, il tutto ripetuto in tre dosi successive a distanza di qualche mese” (Montinari, 2002);
“Un aspetto assolutamente certo e riconoscibile in tutte le vaccinazioni consiste nella soppressione post-vaccinale delle difese immunitarie, con un massimo di caduta dei livelli di linfociti 10 giorni dopo l’inoculazione. Questa fase sembra non sia molto nota ai medici che vaccinano.” (Montinari, Tonarelli, Associazione A.P.O.I., - Associazione Universo Bambino, 2004).
“L’indebolimento delle difese si può ascrivere ad uno spostamento dal livello dell’immunità cellulare (legata all’attività dei globuli bianchi) al livello dell’immunità umorale (quella legata all’attività anticorpale) : una vaccinazione rinforza l’immunità umorale e indebolisce quella cellulare.” (Montinari, Tonarelli, 2004). Vale a dire che la battaglia si ingigantisce mentre i soldati diventano più deboli per poterla affrontare: per questo molti, che si ritrovano un’armatura inadeguata ne escono sconfitti.
Ciò crea nel bambino le condizioni favorevoli per un grave attacco alla salute, specie se il soggetto presenta particolari predisposizioni genetiche, o, se per svariati motivi (mercurio, palladio, nickel ecc. materno, o candida ecc.) si trova in condizioni immunitarie precarie, che, ovviamente, non sono visibili ad occhio nudo, ma evidenziabili, come già detto, solo attraverso gli esami di tipizzazione linfocitaria ed esame HLA in bassa risoluzione.
E’ così che molti piccoli, finiscono “segnati” dal vaccino (es. autistici , bambini con malattie autoimmuni, o bambini che sviluppano gravi anomalie del comportamento: iperattività, dislessia ecc.); gli altri, forse, avranno passeggeri malesseri e poi in apparenza tornano come prima, magari sviluppano qualche allergia, la bronchite, l’asma o un eczema atopico, si ammaleranno più spesso, manifesteranno qualche intolleranza alimentare, meno resistenza ai virus, qualche problema gastroenterico, si ripeteranno le tonsilliti e le otiti, ma questo sconvolge “poco” la famiglia che non assocerà mai la vaccinazione ai sopraggiunti disturbi, anzi il genitore si avvierà con grande anticipo al calendario per segnare la data della prossima “provvidenziale” vaccinazione e purtroppo non segnala quasi mai all’ASL, nell’apposito modello preposto, i disturbi post vaccinali accusati dal figlio, perché ritenuti dal coro medico assolutamente “normali”.
L’altro importante nocciolo della questione riguarda l’età in cui viene praticato il vaccino: “Subito dopo la nascita ci sono due stadi per lo sviluppo del cervello che richiedono intensa solfatazione.
Il primo stadio, durante la proliferazione delle cellule, coinvolge la solfatazione dei glicosaminoglicani (GAG) nel cervello.
Il secondo stadio consiste nella mielinizzazione del tessuto cerebrale, che avviene in buona parte nel periodo che va dal terzo fino al quindicesimo mese di vita.
Questo periodo critico per l’organizzazione di base del cervello coincide, come sappiamo bene, con il periodo delle vaccinazioni infantili.
Il neonato non abbonda di materiale per la solfatazione e l’improvvisa richiesta di solfatazione, a seguito delle vaccinazioni, mette in competizione cervello e ileo (intestino) per questo materiale cruciale. E’ normale che in un organismo venga continuamente perduto materiale solfatato per essere sostituito dal nuovo. Questa “muta” del materiale solfatato subisce una accelerazione enorme a seguito di attivazioni immunitarie (da vaccini!).
La natura si è intenzionalmente appoggiata a meccanismi non infiammatori nell’affrontare le infezioni durante i primi mesi di vita, fornendo al neonato IgA non infiammatori dal sistema immunitario della madre, veicolati attraverso il latte materno.
Le vaccinazioni però vanno a indurre nel bambino proprio ciò che la natura voleva evitare, e infatti producono un fenomeno infiammatorio coinvolgente IgG e IgM.” [Montinari, 2002].
Inoltre:
“L’insulto vaccinico provoca perdite di materiale solfatato e, in individui suscettibili, gravi avarie della solfatazione.
Dunque l’avaria nella solfatazione è anche il meccanismo per cui le membrane intracraniali meningee perdono parte della capacità di espandersi e di accomodare quindi la crescita del cervello e delle ossa del cranio.” [Terapia craniosacrale e autismo, dott. John E. Upledger ,1979].
Nei paesi dove le vaccinazioni si sono ridotte e le dosi sono state praticate dopo i 30 mesi di vita i danni da vaccini sono calati in modo sorprendente. (Svezia, Giappone, Germania, ecc).
Nonostante un incredibile mare di informazioni scientifiche confermino il rapporto esistente tra autismo e vaccinazioni, autismo e sistema neurogastroenterico, autismo e sistema neuro-immuno-endocrino, un “illuminato” psicologo convince, anzi condanna a vita un disperato genitore attestando che la patologia neurologica di suo figlio è stata determinata da quel ceffone sfuggito in una notte lontana e triste.
La scienza conferma ampiamente che ben altri processi tossici e neurotossici, virali, ecc, e, non solo quelli emotivi, inducono all’autismo.
Si legge in Celiachia, intolleranze, allergie alimentari, Macro Edizioni, Cesena, Tranfaglia, 2003, a proposito di autismo post-vaccinale: “Quale cultura del passato ha reso autistici schiere di bambini nati sani?”
Ebbene, numerosi studi chiariscono, in modo dettagliato, che le persone autistiche non sono “cose fuori posto”, sono, invece, creature, spesso, profondamente danneggiate da un sistema che non si mette in discussione e risulta quindi corresponsabile di tante “anime intrappolate in un inquieto e doloroso mondo!”.
La buona volontà dei familiari, il loro amore, i loro immensi sacrifici, la perseverante dedizione di ogni giorno, non pongono definitivo rimedio a tale grave problema che richiede anche e sopratutto il sostegno continuo di una mirata, seria e riconosciuta ricerca scientifica. Ricerca positiva, consapevole e corretta che coinvolga l’intero pianeta (Chicago, Pfeiffer Inst.; Birmingham, dott. Waring; Oslo, dott. Reishelt; Bari, dott. Montinari; Napoli, dott. Borghese; Bologna, Dott. Verzella; Verona, Dott. Dozzo; ecc.). Le famiglie che comprendono ciò si caricano di un aggravio economico molto serio per raggiungere i luoghi della vera guarigione, altre, che vorrebbero, ma non possono permettersi tali approdi, restano a guardare nella mortificazione!
E intanto, le famiglie che non sono documentate circa le correlazioni autismo-cervello-intestino e ignorano il ruolo delle vaccinazioni, l’efficacia della dieta senza glutine e caseina, le implicazioni enzimatiche connesse, quelle legate agli agenti patogeni intestinali, ai dismetabolismi o ai metalli tossici ecc. continuano, in buona fede, ad affidare i loro figli agli effetti degli psicofarmaci addizionando ancora “sbarre malefiche” alla “gabbia autismo”.
Coloro che, invece, sono approdati alle verità scientifiche prima menzionate osservano con grande diligenza i consigli dei centri specializzati italiani, europei o d’oltre oceano. Essi non mollano la presa e con esemplare coraggio affrontano qualunque sacrificio che tale strada implica, perché rilevano, nel tempo,inimmaginabili e inaspettati risultati.
E’ il caso di M. (sindrome autistica 15 anni) che oltre a seguire una dieta naturale priva di glutine, caseina, zucchero ecc., assume solo medicine omeopatiche, enzimi, probiotici, vitamine. Da circa 2 anni ha sospeso gli antiepilettici. Risultato: sono 2 anni che finalmente non ha più le convulsioni.
Il caso di L. (ritardo mentale, e anticorpi antiglutine nella norma – 19 anni). Soffriva per una stitichezza così grave che i medici avevano prospettato un intervento chirurgico. Per farlo evacuare era necessario praticargli i clisteri addirittura in sede ospedaliera, ciò sconvolgeva e aggravava le condizioni psicofisiche del ragazzo. L. da 2 anni osserva una dieta naturale senza glutine e caseina, senza zucchero, insaccati ecc. ha eliminato medicine allopatiche e assume enzimi,vitamine e probiotici.
Risultato: evacua in modo naturale tutti i giorni ed è più sereno.
I veri specialisti di questa complessa sindrome sono senza dubbio loro: i genitori.
Genitori coraggiosi che non esitano a donare a questi angeli la loro vita, la loro anima.
E proprio con l’anima ragionano, studiano, si confrontano, approfondiscono, comprendono, scelgono, operano accettando di affrontare enormi sacrifici pur di concretizzare indiscussi risultati.
Anime colme di un amore immenso rivolto sempre e solo alla ricerca della verità, al bene per i loro figli.
Proprio questo coraggiosissimo amore, questo dantesco “intelletto d’amore”, è il motore che muove in loro un’enorme forza e la determinazione a continuare, sempre e comunque in ogni periglioso sentiero.
E tale coraggio li premia: i figli di questo meraviglioso amore, un passetto per volta, si allontanano dal “fantasma maligno”, alcuni, oggi, riescono a seguire i programmi scolastici e vivono un’accettabile vita sociale.
Anche nel giorno di maggiore scoramento, stanchezza, difficoltà, disperazione, essi non demordono. Dignitosi e consapevoli del doloroso e lontano vissuto guardano indietro per ricordare i tanti problemi superati, registrando nel presente i traguardi raggiunti: ciò basta a rasserenarli e a riempirli di nuova energia e volontà per continuare!
Oggi è necessario ed urgente che la società sviluppi piena coscienza della realtà dell’autismo a partire da ciò che si vive, si affronta e si soffre ogni giorno nelle case dove è arrivato questo “fantasma maligno”, usurpatore del sorriso, della serenità e della stabilità di tante famiglie!.
Un paese libero e democratico come il nostro dovrebbe provvedere come un buon padre di famiglia alla “tragedia autismo” e con grande senso di responsabilità comprenderne prima la natura e poi attivarsi affinché tutti i danneggiati possano ricevere le migliori cure che oggi la scienza e la ricerca mondiale offrono; dovrebbe sostenere queste famiglie in modo concreto e continuo.
Ciò permetterebbe di aiutare tutti i figli innocenti divenuti “prigionieri di un inferno poco conosciuto, né riconosciuto”!
Superati e fuori posto, in verità, mi appaiono, invece, approcci terapeutici di taluni operatori sanitari che, fermandosi alle mere apparenze della sindrome, rimpinzano ancora questi “angeli intrappolati” di malefici psicofarmaci, affinché neppure un giustificato lamento o un urlo, che lascerebbe intravedere la loro dolorosa esistenza possa raggiungere questo “perverso mondo”.
Il farmaco somministrato a bambini autistici con esordi epilettici o ad altri pazienti con problemi comportamentali è spesso l’acido valproico, utilizzato sui topi di laboratorio proprio per produrre il modello sperimentale di alterazioni dello sviluppo neurologico dell’autismo [Rodier 1997]
Le anomalie caratteristiche del paziente autistico, tra cui deficit ai neuroni motori del nervo craniale, riduzioni in numero di cellule di Purkinje e riduzione in volume del cervelletto, in particolare nel lobo posteriore, possono essere riprodotte identicamente in topi di laboratorio previa esposizione fetale all’acido valproico .ngram 2000]
Taluni operatori sanitari credono ancora, seduti sul pulpito delle indiscusse verità, che l’unico luogo da curare, in caso di autismo, meglio ancora da stordire (con psicofarmaci), sia il cervello, lasciando così il male, anzi aggravandolo, negli altri organi implicati:
“Nell’autismo sono presenti frequentemente disordini gastrointestinali, correlati essenzialmente al malassorbimento, al quale si associa nel 70% dei casi una patologia da reflusso gastro-esofageo. Nella nostra esperienza il reflusso gastro-esofageo era correlato soprattutto a gastropatie da intolleranze alimentari (latte vaccino e glutine). […] Appare evidente che ogni alterazione della complessa struttura anatomo- funzionale dell’apparato digerente e dell’intestino tenue in particolare, possa modificare il ruolo fondamentale nell’equilibrio del sistema immunitario”. [Montinari, 2002]
“Il cervello addominale (intestino), insomma, lavora in modo autonomo e invia più segnali al cervello “nella testa” di quanti non ne riceva da esso […]. La rete di cellule nervose intravista da Auerbach è la centralina di gestione e di controllo che […] comanda anche la velocità di transito ed altre funzioni, grazie all’equilibrio tra neurotrasmettitori inibitori ed eccitatori, ormoni stimolanti e secrezioni protettive” (Borghese 2003 ).
“L’azione di glutine e caseina assumono un ruolo importantissimo nella genesi di numerose patologie del sistema nervoso centrale, quali l’autismo, il ritardo neuromotorio e la schizofrenia.” […] “Già nel 1981 Reichelt , osservava l’incremento nei soggetti autistici e schizofrenici di peptidi nelle urine; nel 1986 dallo stesso fu osservata l’iperpeptiduria, come incremento della casomorfina bovina” […] “Tali osservazioni hanno permesso di stabilire il ruolo svolto dal glutine e dalla caseina, sottoforma di glutomorfina e casomorfina sul sistema nervoso centrale con l’inibizione della normale maturazione neuronale”. [Montinari, 2002]
Se il buon Dio avesse reputato i vaccini la nostra salvezza saremmo nati con le dosi attaccate al collo unitamente alle istruzioni per l’uso.
Egli sa che nel sistema perfetto che ha creato, osservando le regole che la Natura stessa ci indica, le vaccinazioni non servono a nessuno, per virus e batteri possono bastare talune terapie naturali [Vergini 2003] ; in un sistema dove si dimenticano gli insegnamenti della Natura e del buon Dio (intossicazioni da mercurio, cadmio, nickel, palladio, alimentazione squilibrata ed alterata da additivi, prodotti OGM, acquedotti costruiti in eternit ecc.) le vaccinazioni diventano una necessaria beffa obbligatoria, rischiosa e inutile da praticare a tutti per creare l’insana illusione di essere virtualmente al sicuro!
Brioschi e Donzetti [1976] fanno una rilevante affermazione circa l’uso dei vaccini: “Appare evidente che il sistema vaccinale non costituisce quello scudo protettivo che si è soliti attribuirgli; bisogna riconoscere però che esso esercita un’innegabile funzione tranquillante sulla popolazione, almeno nella misura in cui non sono di dominio pubblico i suoi effetti negativi”. [ Acerra 2002]
Dedico questo scritto a tutti gli angeli tornati al Signore dopo la vaccinazione, ai tanti “angioletti in trappola” e ai loro genitori che ogni giorno continuano a combattere !
Che Iddio ci perdoni ! Che aiuti e sostenga tutti gli uomini di buona volontà !
By Teresa Tranfaglia 

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Autismo, italiani scovano possibile "spia" nella saliva - 21-11-2008
La Stampa: Passo in avanti per capire il meccanismo biologico della malattia

ROMA, Nov. 2008. Ancora nessuno aveva pensato di cercarle in una goccia di saliva. Eppure, secondo un gruppo di scienziati dell'università Cattolica di Roma, fra cui Massimo, Castagnola dell'Istituto di Biochimica e biochimica clinica; Fiorella Gurrieri, dell'Istituto di Genetica medica; Maria Giulia Torrioli, dell'Unità di Neuropsichiatria infantile del policlinico Gemelli e Irene Messana, dell'università di Cagliari, si nasconderebbe proprio nella bocca una delle "spie" dell'autismo.
La scoperta potrebbe aiutare a capire il funzionamento biologico di una malattia che colpisce lo 0,6% della popolazione mondiale ed è caratterizzata da una scarsa capacità di comunicazione delle emozioni e dalla compromissione delle interazioni sociali, nella metà dei casi associata a ritardo mentale.
«Le cause di questa patologia che diventa evidente intorno ai tre anni di età - spiega Castagnola - sono ancora largamente sconosciute (Commento NdR: ai medici allopati, ma ai cultori delle medicine naturali queste cause sono ben note: i vaccini propinati ai bambini e giovani producono anche questa gravissima malattia).
Nel 15% dei pazienti si possono far risalire a qualche tipo di mutazione genetica, ma dato l'alto numero di geni coinvolti e la grande complessità di come la malattia si presenta, è sempre stato difficile riconoscere e studiare efficacemente le cause». L'obiettivo della ricerca, pubblicata sul "Journal of Proteome Research" e svolta con il sostegno di Telethon e dell'Istituto scientifico internazionale (Isi) Paolo VI, era dunque passare dal piano della genetica a quello della proteomica, cioè dallo studio dei geni a quello delle migliaia di proteine che li fanno funzionare.
E come fluido biologico dove ricercare proteine che siano caratteristiche dei bambini autistici, la saliva, una vera e propria miniera di amminoacidi, ha un grande vantaggio: è molto semplice da ottenere senza esami invasivi. I ricercatori hanno studiato 27 bambini, di cui 7 femmine, dato che la malattia colpisce più i maschi.
«Per ciascuno di loro - spiega ancora Castagnola - abbiamo valutato prima il tipo di autismo di cui erano affetti. E in secondo luogo abbiamo analizzato centinaia di proteine della saliva a caccia di qualche marcatore. È risultato che quattro peptidi (i "pezzi" di proteine) si comportano in maniera anomala: nel 60% dei bambini del nostro campione il processo di fosforilazione, una reazione chimica comune, è molto inferiore rispetto ai piccoli sani».
Il passo successivo sarà quello di individuare i particolari enzimi, chiamati chinasi, responsabili del processo di fosforilazione alterato, per capire in che modo possono essere legati all'insorgere della malattia. «Siamo ancora in una fase molto preliminare di ricerca - precisa Castagnola - ma stiamo lavorando sull'ipotesi che questa anomalia sia legata biologicamente al processo di maturazione dei neuroni: nel delicatissimo gioco di equilibri del nostro organismo, la fosforilazione di queste proteine è legata a molti altri processi che stiamo studiando. Per esempio già sappiamo che questa chinasi non è completamente attiva nei bimbi nati prematuri: lavoriamo per comprendere meglio come».
Una volta estesa la casistica di bambini studiati e individuato l'enzima responsabile dell'anomalia, gli scienziati dovranno tracciarne il ritratto: scoprire la sequenza degli amminoacidi di cui è costituito e la sua forma tridimensionale per poi capire con quali altre proteine interagisce ed eventualmente costruire armi per modulare la sua azione.
By Giuseppe Parisi (medico)

 Pag. 6  -  Pag. 7  -  Pag. 8  -  Pag. 9  -  Pag. 10  -  Pag 11  -  Pag. 12  -  Pag. 13  - Pag 14  - Pag 15  -
 Pag. 16  -  Pag. 17  -  Pag. 18  -  Pag.19  -  Pag. 20  -  Pag. 21

vedi anche Dati ISTAT sui Vaccini